Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

All’Hotel House un laboratorio clandestino di capi di abbigliamento. Denunciato un 46enne

La merce era già pronta e confezionati per la commercializzazione. Sequestrate una macchina da cucire e una per ricamare dal valore di 1.500 euro. A portare avanti le indagini la Guardia di Finanza di Porto Recanati

La merce sequestrata nel laboratorio al quarto piano dell'Hotel House di Porto Recanati
La merce sequestrata nel laboratorio al quarto piano dell'Hotel House di Porto Recanati

PORTO RECANATI – Un laboratorio clandestino al quarto piano dell’Hotel House con abiti e macchinari per griffare i capi di abbigliamento. Una truffa portata avanti da un senegalese 46enne che è stato denunciato dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Porto Recanati. Sequestrati 135 pezzi tra abiti e etichette. A cui si aggiunge una macchina da cucire e una per ricamare, elettronica, del valore di 1.500 euro, completa di pennetta usb con all’interno i file dei loghi di moda da replicare. I capi di abbigliamento recuperati erano infatti già pronti e confezionati per la commercializzazione con marchi contraffatti delle più note griffe.

Un senegalese di 46 anni, in regola con il permesso di soggiorno, residente all’Hotel House, in possesso di partita Iva per il commercio ambulante di bigiotteria
è stato denunciato a piede libero alla competente autotità giudiziaria.