Auto a tutta velocità, incidente in via Acqua

La Polizia Locale ha effettuato i rilievi nell'incidente dove sono state coinvolte tre auto. All'origine del sinistro, probabilmente, l'alta velocità da parte di un automobilista che si è poi dileguato

JESI – Scontro tra tre automobili questa mattina in via Giacomo Acqua. Nel sinistro sono stati coinvolti tre veicoli di cui uno di colore nero di grossa cilindrata, che secondo i testimoni, non si sarebbe fermato e avrebbe lasciato il posto dell’incidente. L’auto comunque è stata intracciata. Ora servono alcuni giorni per gli accertamenti sulla dinamica.

Stando ai primi rilievi effettuati dalla Polizia Locale, infatti, l’incidente è avvenuto intorno alle 9.30 all’altezza della caserma della Guardia di Finanza. Ad avere la peggio è stata una donna jesina di mezza età che era a bordo di una Renault Clio, trasportata al pronto soccorso dell’ospedale Carlo Urbani. In ospedale la donna è arrivata con un codice rosso ed è in osservazione. Coinvolte altre due auto: un Suv che ha lasciato il luogo dell’incidente, non si sa se perché non si sia accorto di quanto accaduto vista la velocità sostenuta o se l’automobilista se ne sia andato per evitare conseguenza, ed anche una Fiat Qubo contro la quale è andata ad impattare la Renault che aveva davanti.

Il Suv, a quanto pare, procedeva a velocità sostenuta: proveniva dalla rotatoria di Viale Trieste e ha svoltato verso la stazione delle corriere, per poi proseguire contromano. Dal lato opposto di via Acqua arrivata la Clio che non ha potuto fare nulla per evitare l’impatto.