Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Truffa ai danni di un 60enne di Fabriano, la polizia identifica e denuncia il truffatore

L'uomo ha ordinato ricambi per l’auto per un valore di mille euro. Ma il tutto è arrivato danneggiato. Le indagini proseguono per capire se ci sono stati altri episodi simili

Gli agenti di Fabriano

FABRIANO – Ennesima truffa che vede protagonista un 60enne di Fabriano. Ha ordinato ricambi per l’auto per un valore di mille euro. Ma, il tutto è arrivato danneggiato. La polizia è riuscita a rintracciare il venditore e a denunciarlo.

Truffa da mille euro subita da un fabrianese di 60 anni che ha ordinato, in un sito specializzato di autoricambi, due kit per airbag, guidatore e passeggero, una centralina e un cruscotto, ma quando gli è arrivato il pacco a casa ha scoperto che era seriamente danneggiato. Il venditore si è rifiutato di restituire tutti i soldi, avanzando una proposta di rimborso di sole 200 euro e affermando con spavalderia che, se non fosse stato sufficiente, il 60enne avrebbe potuto rivolgersi ad un legale.

E l’uomo, ritenendo di essere stato vittima di un’ingiustizia, ha deciso di seguire il consiglio, rivolgendosi ai poliziotti del Commissariato di Fabriano.

Il fatto-reato è accaduto nei giorni scorsi. I poliziotti agli ordini del commissario Capo, Sandro Tommasi, dopo complesse indagini, fatte anche di testimonianze e di riscontri in Piemonte, sono riusciti a risalire al venditore, un torinese di 30 anni. Il 60enne ha prima trattato il prezzo, fino a farlo scendere all’appetibile cifra di mille euro in contanti, poi, dopo che su Whatsapp ha ricevuto le foto del pezzo ordinato, che però ritraevano solo le parti in perfetto stato d’uso, ha confermato l’ordine e ha versato la caparra di 500 euro. Ma, una volta giunto a casa del denunciante, il corriere incaricato della consegna, ha preteso di essere saldato prima di dare l’opportunità all’acquirente di vedere la merce. Il fabrianese, a quel punto, rifiutava la condizione postagli, cosicché il corriere, adirato, se ne andava con il pacco da consegnare. A nulla sono valse le immediate proteste del 60enne che, contattato il rivenditore, si è sentito rispondere che quella modalità di spedizione era un sistema da loro collaudato per evitare inaspettate insolvenze e che non c’era nulla di cui preoccuparsi perché aveva a che fare con dei professionisti seri e diligenti.

A quel punto, il fabrianese, convinto dalle parole rassicuranti del suo interlocutore, decideva nuovamente di ricevere la mercanzia, che, una volta arrivata, non apriva subito, dando per scontato non vi fossero problematiche particolari. Dopo due giorni, l’amara sorpresa: il cruscotto era visibilmente tagliato e l’airbag lato passeggero era arrugginito. Le rimostranze del fabrianese, tuttavia, nonostante le scuse del rivenditore, non sortivano effetto. I poliziotti – considerato l’inequivocabile raggiro subito, consistito nel porre in vendita ricambi per auto come nuovi, salvo poi scoprire le loro pessime condizioni d’uso tanto da essere pressoché inutilizzabili, e altresì rilevate le innumerevoli volte in cui il 60enne aveva vanamente richiesto la restituzione dei soldi versati – hanno rilevato l’esistenza della truffa, reato che, il 30enne torinese, stando alla banca dati delle forze dell’ordine, potrebbe aver commesso anche in passato con analoghe modalità.

Non solo, sarebbe anche stato indagato per ricettazione per aver inviato ricambi d’auto risultati poi essere rubati. Proseguono quindi le indagini per cercare di capire se la truffa subita dal fabrianese sia, o meno, la punta di un iceberg di un fenomeno magari collaudato ed esteso: quello dello smercio di ricambi d’auto rubate, potenzialmente agevolato anche grazie a truffe come quella che gli agenti di Fabriano hanno smascherato.