Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Crollo del ponte in A14, i grillini: «Abbiamo finalmente date certe per la ricostruzione»

Il Ministero delle Infrastrutture ha risposto in commissione Ambiente al “question time” dei parlamentari del Movimento cinque stelle sui lavori di ripristino del cavalcavia

Il ponte crollato in A14

CASTELFIDARDO – Ci sono importanti novità sulla ricostruzione del ponte crollato in A14. «Finalmente il Ministero delle Infrastrutture ha risposto con precisione in commissione Ambiente al nostro “question time” sui lavori di ripristino del cavalcavia. Per le attività progettuali sarà ultimata la verifica dello stato delle strutture in calcestruzzo entro il 20 ottobre, quindi il progetto preliminare del ripristino delle strutture stesse entro il 6 novembre e il progetto esecutivo sarà pronto entro fine novembre».

A riportarlo in una nota congiunta i portavoce del Movimento cinque stelle alla Camera dei Deputati Patrizia Terzoni, Donatella Agostinelli e Andrea Cecconi e il sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani. A dicembre si passerà poi alla fase operativa, con le strutture in calcestruzzo che saranno ripristinate entro il 15, mentre tutti i lavori di carpenteria metallica saranno ultimati entro il 31 gennaio. Arredi e opere civili invece saranno completati a febbraio, e per il 28 dello stesso mese tutte le operazioni dovrebbero essere concluse, stando appunto alla “road map” presentata al Movimento dal sottosegretario Umberto Del Basso De Caro.
«Il crollo del cavalcavia 167 a marzo ci lasciò sgomenti: una tragedia assurda ed evitabile, che costò la vita a due persone – continuano -. Per mesi abbiamo incalzato il governo sull’individuazione delle responsabilità e soprattutto sulla messa in sicurezza del ponte, che auspicavamo tempestiva». Il cavalcavia è infatti indispensabile per la viabilità dell’area che interessa i comuni di Castelfidardo, Osimo e Camerano, che vive ormai da mesi numerosi disagi: «Dopo aver chiesto per mesi al governo di sollecitare Autostrade spa, Anas e soprattutto Regione, il cui silenzio sulla vicenda è stato assordante, adesso almeno abbiamo finalmente date certe. Vigileremo sul rispetto delle tempistiche e sulla corretta realizzazione dei lavori e intanto esprimiamo soddisfazione per lo sblocco di una situazione che rischierebbe altrimenti di diventare insopportabile per le aree limitrofe al cavalcavia. Un dubbio però resta: quale sarebbe stato il cronoprogramma senza la manifestazione dei 5 stelle a Osimo Stazione due settimane fa e senza il continuo impulso dei suoi portavoce agli organi preposti?».