Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

«Il Covid Center di Civitanova va in stand-by»: domani sarà dimesso l’ultimo paziente

«La Regione deciderà poi, eventualmente, se inserire la struttura in una programmazione sanitaria più ampia» ha detto il direttore dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni

Il sopralluogo conclusivo al Covid-Center di Civitanova

CIVITANOVA – Si chiuderanno domani mattina le porte del Covid Center di Civitanova Marche, aperto poco più di due settimane fa e attivo, effettivamente, da una.

LEGGI ANCHE: Civitanova, il Covid Center consegnato alla Regione, Ceriscioli: «Struttura sanitaria per le Marche» – VIDEO

«Domani mattina uscirà dalla struttura l’ultimo paziente e già da domani sera, a partire dalle 20, la struttura andrà in stand-by» ha spiegato il direttore dell’Area Vasta 3 Alessandro Maccioni. «Non ci saranno più quindi medici e infermieri ma solo il servizio di vigilanza armata per prevenire eventuali furti; inoltre porteremo via i farmaci e tutti i materiali reperibili. Il Covid-center non chiude ma va in stand-by – ha sottolineato il direttore Maccioni -. La Regione deciderà poi, eventualmente, se inserire la struttura in una programmazione sanitaria più ampia».

Dunque domani mattina l’ultimo paziente, dopo essere guarito dal Covid-19, lascerà l’”astronave” di Guido Bertolaso per essere trasferito nel reparto di pneumologia dell’ospedale di Macerata. Negli ultimi giorni nella struttura alla Fiera di Civitanova Marche erano stati trasferiti tre pazienti dal reparto di Rianimazione di Camerino; due di loro erano stati poi dimessi e domani toccherà all’ultimo, dopo la conferma della negativizzazione del virus.

L’opera, costata 12 milioni di euro e realizzata, su volere della Regione Marche, attraverso delle donazioni private, era stata inaugurata lo scorso 16 maggio alla presenza del presidente Luca Ceriscioli e dell’ex capo della Protezione Civile Bertolaso. 84 posti letto tra terapia intensiva e semi intensiva che così rimarranno “fermi” (fortunatamente) in attesa di una decisione definitiva sulla struttura che però, come ha sottolineato il direttore dell’Area Vasta 3, al momento «non chiude».