Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Coronavirus: scuole al 100% in dad a Sassoferrato, non a Genga, Fabriano e Cerreto

Il primo cittadino della città sentinate, Maurizio Greci, ha deciso per un ulteriore inasprimento delle misure contenitive per arginare l'aumento dei contagi dovuto alla variante inglese del Covid

FABRIANO – Scuole in dad al 100% a Sassoferrato. Si segue l’ordinanza regionale, invece, negli altri comuni dell’Ambito 10: Fabriano, Genga e Cerreto D’Esi. Primi cittadini tutti concordi, invece, nel vietare l’accesso ai parchi e ai giardini pubblici.

Si apre una settimana probabilmente decisiva nella lotta alla pandemia da Coronavirus. Le Marche tornano in zona arancione da domani e nell’Ambito 10 si è deciso di inasprire le misure restrittive. In modo particolare per quel che riguarda gli accessi a parchi e giardini pubblici, interdetti fino al 5 marzo prossimo a Fabriano, Cerreto D’Esi, Genga e Sassoferrato.

Per il capitolo scuola, invece, comportamenti diversi. Nella città della carta, in dad gli istituti superiori e gli studenti di seconda e terza media. In presenza, tutti gli altri. A Sassoferrato, colpita duramente dalla variante inglese, il sindaco Maurizio Greci ha optato per il mantenimento della dad anche per materne, elementari e prima media. «Si rende noto che, dalle indicazioni emerse dall’incontro interistituzionale tenutosi nella serata di ieri, sabato 27 febbraio, e, segnatamente, dalle direttive pervenute dalle competenti autorità sanitarie locali, considerato il perdurare dell’alto indice di contagio sul territorio, è risultato necessario provvedere al prolungamento della sospensione dell’attività didattica in presenza dell’Istituto Comprensivo Sassoferrato. Si dispone che le lezioni della scuola materna, primaria, e secondaria di primo e secondo grado proseguiranno con modalità di didattica a distanza al 100%, sino a sabato 6 marzo compreso. Rimane confermata, invece, l’apertura dell’asilo nido comunale l’Aquilone», scrive in una nota il primo cittadino sassoferratese che conclude, inoltre, rendendo noto di aver chiesto un ulteriore rafforzamento dei controlli sul territorio comunale da parte delle competenti autorità di pubblica sicurezza, «al fine di individuare e reprimere comportamenti contrari alle norme in vigore».

Considerato quanto deciso a Sassoferrato, il sindaco di Genga Marco Filipponi si è visto costretto a una comunicazione necessaria. «Si comunica agli studenti e alle loro famiglie, ai docenti e al personale non docente che domani, 𝐥𝐮𝐧𝐞𝐝𝐢̀ 𝟏 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨, nei plessi scolastici di Genga 𝐥𝐞 𝐥𝐞𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐫𝐢𝐩𝐫𝐞𝐧𝐝𝐞𝐫𝐚𝐧𝐧𝐨 𝐫𝐞𝐠𝐨𝐥𝐚𝐫𝐦𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐢𝐧 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐞𝐧𝐳𝐚, a eccezione delle classi per le quali l’ordinanza del presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha disposto il proseguimento della didattica a distanza. Si specifica che l’ordinanza emanata dal sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci, riguarda esclusivamente i plessi scolastici del comune di Sassoferrato», scrive in una nota Filipponi.

Infine, passando a Cerreto D’Esi, materne, elementari e prima media riprendono in presenza, mentre si è deciso di chiudere i parchi e giardini pubblici. «Nei prossimi giorni eseguiremo una sanificazione straordinaria dei giochi e di tutti gli arredi dei giardini pubblici», assicura il sindaco David Grillini.