Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Coronavirus, Cingoli piange la morte del dottor Foltrani

Aveva 67 anni. «Una perdita gravissima» le parole del vicesindaco Filippo Saltamartini. «Un medico morto sul campo, un martire», dice Romano Mari, presidente dell’Ordine dei Medici

Foto d'archivio

CINGOLI – Muore medico di Cingoli: comunità sotto choc. Francesco Foltrani aveva 67 anni ed era stato contagiato dal Coronavirus. Si trovava da una decina di giorni ricoverato all’ospedale di Jesi e oggi è arrivata la triste notizia che ha sconvolto l’intera comunità.

«Una perdita gravissima; era anche il medico della mia famiglia come lo era di molti cingolani – ha ricordato il vice sindaco Filippo Saltamartini -. Da una decina di giorni era ricoverato e questa notizia ci ha davvero sconvolto». «Una persona buona, amata da tutti e molto professionale: il dottor Foltrani era il miglior medico di Cingoli» ricordano alcuni suoi pazienti.

«Un medico morto sul campo, un martire, una notizia tristissima che ci addolora il cuore». Sono le parole di Romano Mari, presidente dell’Ordine dei Medici di Macerata dopo la triste notizia del decesso del suo collega cingolano. «È eroico ciò che stiamo facendo e lo spirito con il quale stiamo affrontando questa emergenza con turni massacranti e con carenze organizzative enormi cercando di garantire sempre tutte le cure ai nostri cittadini».
«Non abbiamo protezioni e sono giorni e settimane che mi sforzo di far capire la situazione alle istituzioni perché non è possibile mettere sul campo dei medici senza i dispositivi adatti – ha continuato il presidente -. Forse se il dottor Foltrani avesse avuto tutte le protezioni, dato che anche lui ha visitato gli ospiti della casa di riposo di Cingoli, oggi non saremmo qui a piangerlo».
«Non abbiamo i dispositivi e continuiamo ad arrancare ma non ci possiamo permettere di far morire altri colleghi – ha concluso il dottor Mari -. Potrei anche io essere un portatore sano, tornare a casa la sera e mettere a rischio la mia famiglia; non possiamo più andare avanti in questo modo e i dispositivi devono esserci consegnati immediatamente altrimenti non possiamo continuare a combattere in questo modo un’emergenza sanitaria senza precedenti».

Foltrani, figlio di un medico, era prossimo alla pensione ed era molto conosciuto in città. Lascia la moglie Laura e i figli Marco e Chiara.

La notizia della sua morte ha sconvolto un comune che continua a far fronte con il focolaio della casa di riposo dove, proprio ieri, sono intervenuti i medici militari.