Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Consegnati 14 alloggi popolari. Per gli inquilini: «Un sogno che si avvera»

Inaugurato ad Ancona, questa mattina, il nuovo edificio Erap. Il costo complessivo dell'intervento, con demolizione e ricostruzione di uno stabile in parte crollato, è di 1milione e 740mila euro

Gli inquilini dei nuovi alloggi popolari di via Flaminia con gli assessori Emma Capogrossi, Stefano Foresi, Paolo Manarini e il responsabile Erap Maurizio Urbinati

ANCONA – Inaugurato questa mattina il nuovo edificio Erap di via Flaminia, che ospita 14 alloggi di edilizia residenziale pubblica. Il responsabile del presidio di Ancona dell’Erap Marche, Maurizio Urbinati, ha consegnato le chiavi agli inquilini.

Maria Clara Correa Silva

A Maria Clara Correa Silva brillavano gli occhi. Originaria del Brasile, da 30 anni è in Italia e ha tre figli. «Per dieci anni ho aspettato questa casa – racconta – finalmente il sogno si è avverato. Finora ho abitato in un appartamento sempre in via Flaminia ed è stata dura arrivare a fine mese e pagare l’affitto. Ora mi aspetto una vita migliore e più dignitosa».

Soufiane Zine

Soufiane Zine, 24 anni di origine marocchina, è in Italia da quando era piccolo e si sente più italiano che marocchino. «Ho vissuto più anni in Italia che in Marocco – racconta – e ora lavoro come pizzaiolo e amo la cucina italiana. Negli ultimi tre anni sono stato con la mia famiglia provvisoriamente in una casa di emergenza di 45 metri quadrati in via Cardeto. Poi abbiamo presentato la domanda, e dopo tanto tempo di attesa e pazienza, l’abbiamo ottenuta. Questa palazzina è bellissima e nuova e siamo molto contenti».

Husna e Salim Mohemmid

Salim e Husna Mohemmid sono una coppia di origine indiana. Salim è arrivato ad Ancona 14 anni fa, mentre la moglie 10. Negli ultimi anni hanno vissuto in una casa data dal Comune in via Circonvallazione. «Ringraziamo Dio per questo dono – dicono – è il sogno di una vita che si corona dopo tanti anni di attesa. Abbiamo anche due bambini che frequentano la scuola e non vedono l’ora di vederla». «È stato faticoso finora – spiega Salim – perché non avevo un lavoro. Per fortuna però da un mese l’ho trovato e speriamo d’ora in poi di vivere più serenamente».

Vidam Nicolae

Anche Vidam Nicolae, 51 anni, è molto felice. Ha reddito pari a 0 ed è un invalido civile. «Sono rumeno di origine – dice – ma da 16 anni vivo ad Ancona. Questa nuova casa mi piace molto, mi era stata assegnata ad agosto e finalmente ora posso abitarci». Dei 14 appartamenti, al momento sono 9 gli alloggi consegnati e questa mattina gli assessori Emma Capogrossi (Casa), Stefano Foresi (Partecipazione Democratica) e  Paolo Manarini (Lavori Pubblici) hanno tagliato il nastro del nuovo stabile di via Flaminia, realizzato dall’Erap vicino al by-pass per il porto, nell’ambito del piano di intervento e riqualificazione della Palombella.

Il nuovo edificio Erap di via Flaminia

L’INTERVENTO – Ha avuto un costo complessivo di 1milione e 740mila euro ed è consistito nella demolizione e ricostruzione di uno stabile in parte già crollato. Gli alloggi si dispiegano in tre corpi scala, ma l’edificio ospita anche 2 locali commerciali e 14 box auto. Tredici alloggi sono dotati di due camere da letto e hanno una superficie netta calpestabile variabile da 58 a 69 metri quadrati, mentre un alloggio è dotato di un’unica stanza da letto e ha una superficie netta calpestabile di 40 metri quadrati. Unitamente al nuovo complesso edilizio è stata recuperata anche la porzione di area esterna come parcheggio a servizio del quartiere.

Il taglio del nastro per l’inaugurazione dei 14 nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica

«L’emergenza abitativa – commenta l’assessore Emma Capogrossi – è un problema che riguarda tutte le città. Per quanto riguarda l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, ad Ancona grazie ad un programma continuo, stiamo rispondendo a tante famiglie e oggi è una occasione importante per tante di loro. Quello che abbiamo costruito in questi anni è un sistema che, con i servizi sociali, prevede risposte nuove come la coabitazione. Abbiamo creato una rete di protezione in maniera tale che nessuna famiglia sia lasciata sola, ma venga accompagnata con un percorso di inclusione sociale fino al nuovo bando che consenta l’assegnazione di un alloggio definitivo».

NUOVI ALLOGGI POPOLARI – In arrivo nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica in altre zone della città. Lunedì saranno consegnati i lavori alle ditte che realizzeranno 52 appartamenti in via Mingazzini e 58 alloggi in piazza Aldo Moro, a Passo Varano. L’operazione in piazza Aldo Moro rientra all’interno di un progetto più ampio di riqualificazione della zona del valore complessivo di circa 20 milioni di euro, che prevede la realizzazione di altri 126 alloggi, nonché di una serie di opere di urbanizzazione che includono il completamento della piazza, del parcheggio interrato e delle aree verdi limitrofe. In corso invece i lavori per la realizzazione di 33 appartamenti in via Petrarca nell’ex scuola Bramante. Gli alloggi in piazza Aldo Moro e via Petrarca saranno ultimati per la fine del 2018, mentre quelli in via Mingazzini entro la fine dell’anno.