Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Confindustria Marche Nord, Passeri nuovo presidente del Gruppo Oil & Gas

Il membro del CdA di Renco spa di Pesaro guiderà l'aggregazione che riunisce le industrie delle province di Ancona e Pesaro Urbino. Suo vice sarà Giancarlo Cogliati, amministratore delegato di Api

Lorenzo Passeri, presidente Gruppo Oil & Gas di Confindustria Marche Nord
Lorenzo Passeri, presidente Gruppo Oil & Gas di Confindustria Marche Nord

ANCONA – Lorenzo Passeri, membro del CdA di Renco spa di Pesaro, è il nuovo presidente del Gruppo Oil & Gas di Confindustria Marche Nord, che riunisce le industrie delle province di Ancona e Pesaro Urbino. Suo vice, nel prossimo quadriennio, sarà Giancarlo Cogliati, amministratore delegato di Api spa Raffineria di Ancona. Due le priorità del suo programma: «La valorizzazione di un settore ancora poco conosciuto, specialmente in ambito territoriale, e l’investimento in ambito formativo, cercando di consolidare i rapporti con gli istituti di formazione e con la Politecnica delle Marche».

Passeri, è pronto per questo importante incarico?
«Assolutamente sì. Sono onorato di poter rappresentare un settore che, anche se sottovoce, si sta dimostrado un punto di forza per l’economia del nostro territorio».

Quali sono le problematiche principali dell’oil & gas?
«Sicuramente l’alta competitività dei mercati in cui ci troviamo ad operare e, nel contempo, il confronto, in alcuni casi, con realtà tecnicamente e qualitativamente meno valide in un mercato in cui il prezzo spesso è la discriminante più importante per l’assegnazione di lavori. Segnalo poi, quale punto di debolezza, le difficoltà nel reperire figure qualificate nel mercato del lavoro locale, anche se la globalizzazione del mercato del lavoro permette in parte di sopperirvi».

Come stanno le aziende del territorio?
«Le imprese che operano nelle province di Ancona e Pesaro Urbino confermano il trend di crescita, anche se rallentata rispetto agli anni precedenti. Parliamo di aziende che hanno un’esperienza pluriennale nel settore, che si distinguono per le elevate competenze tecnico-ingegneristiche e l’alto livello qualitativo dei servizi forniti».

Quali sono i suoi obiettivi?
«Innanzitutto la valorizzazione di un settore economico molto sottovalutato, specialmente nelle nostre province. Poi gli investimenti nella formazione, cercando di incrementare e consolidare i rapporti con i vari enti di formazione. Dal confronto con gli altri membri del gruppo sono certo che scaturiranno nuove idee e nuove iniziative da portare avanti durante il mio mandato».