Attualità

Civitanova, parcheggi riservati ai residenti in tre vie del centro: incontro pubblico in programma

Assemblea pubblica organizzata dai residenti del centro che contestano la cosiddetta “zona arancione”

Una delle vie in "zona arancione"

CIVITANOVA – Parcheggi riservati a Civitanova ai residenti in via Asiago, in via Col di Lana e nel tratto di via della Vela: un problema per chi vive nelle vie limitrofe in pieno centro. «La delibera che ha istituito la “zona arancione” è discriminatoria e penalizzante: speriamo di trovare altre soluzioni» è il commento di Alessandro Mazzaferro, portavoce del comitato di residenti, sorto spontaneamente.

Di questo si discuterà domani (sabato 4 febbraio) alle ore 12, presso Casa Bettei, in via della Vela 131. Una assemblea pubblica organizzata da tutti quei residenti del centro che contestano la cosiddetta “zona arancione”. «La questione è sorta lo scorso giugno, quando con una delibera di giunta (n. 230) è stata istituita la zona arancione che prevede la Ztl e i parcheggi riservati ai residenti in via Asiago, in via Col di Lana e nel tratto finale di via della Vela – ha spiegato Alessandro Mazzaferro, portavoce del comitato –. In quei tratti possono parcheggiare, ad oggi, solo i residenti di quelle vie. Molte delle famiglie che risiedono in quelle vie, tra l’altro, hanno anche il garage dove poter parcheggiare. I residenti delle vie limitrofe si sono trovati in difficoltà. Riteniamo che questa decisione sia discriminante per alcuni residenti. Serve, quindi, un incontro per trovare altre soluzioni, garantendo i parcheggi non solo ai residenti ma anche a chi ha attività commerciali, ad esempio lungo corso Vittorio Emanuele, o ai clienti di tali attività. Sono state inviate due comunicazioni protocollate all’amministrazione ed è stata presentata una interrogazione consiliare a cui, tuttavia, non è stata data risposta» ha concluso Alessandro Mazzaferro.

Ti potrebbero interessare

Civitanova, albanese ritenuto pericoloso espulso dall’Italia

Giovedì scorso (13 giugno) personale della questura ha accompagnato coattivamente alla frontiera marittima di Ancona, per esodo dal territorio nazionale, un cittadino albanese di 30 anni, in esecuzione di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Macerata