Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Da Chiaravalle e Jesi per abbandonare rifiuti a Falconara: scatta la multa per due furbetti

Gli ispettori ambientali di Marche Multiservizi hanno finora accertato 45 violazioni per mancata separazione dei rifiuti. L'assessore Baia: «In arrivo altre fototrappole»

FALCONARA – Centocinquanta euro di multa per i due furbetti arrivati da Chiaravalle e da Jesi per abbandonare lungo la strada sacchi di rifiuti indifferenziati. All’interno c’erano oggetti in plastica, resti di cibo e anche un piccolo elettrodomestico. I due, un uomo di 60 anni e una donna di 40 anni, pensavano di farla franca e di scaricare tranquillamente la spazzatura non differenziata in un altro comune e invece, grazie alle segnalazioni di alcuni passanti, le due persone sono state identificate e sanzionate dalla Polizia locale di Falconara per 150 euro ciascuno.

Quest’anno inoltre, gli ispettori ambientali di Marche Multiservizi hanno finora accertato 45 violazioni per mancata separazione dei rifiuti. Il più delle volte, nei sacchetti trasparenti dell’indifferenziato è stata trovata la carta. Nello specifico: 20 violazioni sono state accertate a gennaio, 7 tra marzo e aprile (durante il lockdown ci sono stati meno controlli) e 18 tra maggio e agosto. Identificati i responsabili, sono scattate le sanzioni che vanno da 50 a 150 euro. Alle 45 violazioni per mancata separazione della spazzatura si aggiungono tre sanzioni per abbandono di rifiuti.

«Ringrazio quei cittadini che con le loro segnalazioni ci hanno permesso di risalire all’identità delle due persone, arrivate peraltro da fuori comune, che hanno scaricato lungo la strada i rifiuti. Invito i falconaresi a segnalare sempre simili episodi, soprattutto nelle ore notturne. Falconara è discretamente controllata e alle fototrappole già installate, molto presto se ne aggiungeranno altre– dichiara l’assessore alla Polizia locale Raimondo Baia –. Inoltre, non posso che rivolgere i miei complimenti agli uomini della Polizia locale per il lavoro meticoloso, puntuale e certosino che svolgono ogni giorno nell’adempimento del loro dovere. Questi risultati sono frutto di un’attenzione del nostro comando al territorio e all’impegno dei nostri agenti, sia quando sono in divisa che quando non lo sono. Sono una garanzia e sicurezza per tutta la cittadinanza».

I furbetti di Chiaravalle e di Jesi sono solo gli ultimi in ordine di tempo ad essere stati scoperti e sanzionati dagli agenti del Comando falconarese per abbandono di rifiuti. A seconda dei casi, le multe possono arrivare fino a migliaia di euro. A Rocca Mare, per esempio, gli uomini della Polizia locale avevano individuato gli autori di una discarica abusiva, multati poi per 600 euro. L’operazione aveva richiesto una attività di indagine scattata dopo il rinvenimento in via Fiume di materassi, scatoloni contenenti rifiuti domestici, farmaci, piccoli utensili. Esaminando il materiale era stato possibile risalire agli autori dell’abbandono, una coppia di coniugi residenti a Montemarciano.

Una sanzione di 600 euro era toccata anche a una famiglia di Monte San Vito, che aveva scaricato nella campagna delle Pojole interi corredi scolastici, dai libri ai quaderni, fino agli articoli di cartoleria in carta e plastica: tutto materiale che poteva essere riciclato se smaltito correttamente. Sanzione anche per un 56enne che, arrivato a bordo di un furgone in piazza Catalani, era stato visto svuotare nel cassonetto della plastica un carico di scarti dell’edilizia, in particolare schiume addensati utilizzate per riempire le intercapedini. L’uomo era stato rintracciato poco distante, davanti alla stazione ferroviaria: gli uomini della Polizia locale dopo averlo identificato per i provvedimenti conseguenti gli avevano fatto recuperare dal cassonetto tutto il materiale gettato, scarti di lavori che aveva eseguito in casa, per il successivo corretto smaltimento.