Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Il Carnevale a scuola come ponte tra Fano e la Francia

Gemellaggio tra alcune scuole fanesi ed i pari età della cittadina di Wissous. L'iniziativa, patrocinata dalle rispettive amministrazioni comunali, vuole mettere in contatto bambini di nazioni diverse

Il Carnevale a scuola come ponte tra Fano e la Francia
Il Carnevale a scuola come ponte tra Fano e la Francia

FANO – Il Carnevale tra i banchi di scuola ai tempi del Covid-19 può diventare anche un’opportunità per gettare un ponte che da Fano arrivi alla periferia di Parigi, più precisamente nella cittadina francese di Wissous.

Nasce da questo presupposto il progetto di carattere culturale avviato da una parte da Ente Carnevalesca, Direzione Didattica Fano-San Lazzaro con le Scuole Primarie “Corridoni” (classi 3^A e 4^A) e “Montessori” (classi 4^A-5^A-4^B-5^B) ed Amici Senza Frontiere e dall’altra delle Scuole Elementari della città francese che si trova nella cintura parigina.

Nonostante la pandemia, l’Ente Carnevalesca non ha rinunciato alle celebrazioni di quella che è la festa simbolo della città della Fortuna (a questo link il dettaglio del programma della Settimana Grassa fanese) e, di pari passo agli eventi carnevaleschi, ha voluto rinnovare anche le sinergie dei progetti all’interno delle scuole locali, ma anche di quelle gemellate fuori confine, come appunto quella di Wissous.

L’interessante e stimolante iniziativa, patrocinata dalle rispettive amministrazioni comunali, vuole mettere in contatto bambini di nazioni diverse in un periodo in cui purtroppo le distanze si accentuano a causa degli effetti della pandemia. Lo strumento di unione sarà proprio il Carnevale di Fano, che i giovanissimi studenti studieranno prima di raffigurarlo in disegni e racconti che poi daranno vita ad una mostra con scambio di elaborati che verranno esposti sia in Italia che in Francia.

Questo gemellaggio si inserisce in un percorso didattico già consolidato, dal titolo “Atelier creativo del Carnevale“, che l’Ente Carnevalesca, con in testa il deus ex machina del “Carnevale dei Bambini” Nicola Anselmi (ideatore e promotore), la presidente Maria Flora Giammarioli e la consigliera Romina Paoloni, ed il Circolo Fano-San Lazzaro, diretto dal prof. Michele Locarini, portano avanti da qualche anno. Attraverso la piattaforma Meet lo stesso Anselmi effettua dei collegamenti con gli istituti coinvolti per tramandare ai suoi piccoli concittadini quella che è la tradizione del nostro Carnevale, introducendo ovviamente pure la maschera del Vulon. Proprio quest’ultimo lega storicamente i fanesi ed i francesi, rimandando al banditore di editti di napoleonica memoria. Nel corso dei laboratori online si parla però anche di Musica Arabita e si fa accenno a Dante, al quale è dedicata l’edizione 2021 del Carnevale di Fano per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta.

Per i bambini di Wissous è stato invece confezionato un video, coi medesimi contenuti. A livello scolastico a Fano la coordinatrice è Sarah Olivieri, che collabora con Elwin Van Dijk e le insegnanti Tiziana Paterniani, Roberta Valentini, Sonja Cardinali, Emanuela Cesaro, Maurizia Tonucci, Romina Alesiani e Nicoletta Papetti. La referente per la cittadina della Francia, situata nei pressi dell’aeroporto Parigi Orly, è Stephanie Gaspard, agganciata grazie all’amicizia con la fanese d’adozione Yulia Karabanova. Non ha esitato a parteciparvi Amici Senza Frontiere, che presieduta da Massimiliano Barbadoro si occupa appunto di gemellaggi.