Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Camerano, segno “più” per l’acqua che sgorga dai rubinetti

Dopo un incontro con il direttore di Multiservizi, è stato possibile tracciare il quadro complessivo della situazione dei servizi idrici nel territorio comunale di Camerano per fare chiarezza sulla sicurezza, la provenienza e le caratteristiche dell'acqua che ogni giorno sgorga dai rubinetti.

CAMERANO – «Dagli 88 campionamenti che hanno analizzato circa ottomila e 84 parametri, è emerso che non ci sono particolari criticità e che l’acqua del rubinetto ha valori che la qualificano “medio minerale”, particolarmente buona e con ottime qualità organolettiche». Parola dell’assessore all’Ambiente di Camerano Costantino Renato.

Multiservizi effettua controlli sulla qualità dell’acqua nei punti di prelievo, negli impianti di adduzione, di accumulo e nelle reti di distribuzione. Periodicamente le sorgenti e i pozzi sono controllati dal laboratorio analisi aziendale, certificato Iso 9001, e dalle autorità sanitarie che garantiscono il rispetto dei parametri previsti per legge. In particolare dalle analisi a Camerano è emerso che ci sono ragionevoli quantità di calcio (mg/l 107,2), molto minori rispetto ad alcuni marchi reclamizzati, e che tutti gli altri componenti possono considerarsi entro i limiti di legge e nella media rispetto alle varie qualità di acqua commercializzate in bottiglia.

Una delle domande più frequenti riguarda la durezza dellacqua per la presenza del calcio. Il calcio è uno dei componenti dell’acqua ed è indispensabile alla crescita e alla solidità delle ossa. Molti alimenti come latte e formaggio forniscono la quantità di calcio necessaria al fabbisogno quotidiano. L’acqua distribuita da Multiservizi a Camerano ha una durezza di 32°F (gradi francesi).

L’odore di cloro che si sente talvolta è dovuto al cloro aggiunto per rispettare le norme di legge sulla sicurezza igienico sanitaria dell’acqua distribuita. Su diversi punti della rete si trovano apposite centraline di clorazione che regolano il dosaggio, pur minimo, da immettere in rete. Alcune abitazioni possono avvertire nell’acqua del rubinetto la presenza di cloro: è sufficiente però lasciare decantare l’acqua in una caraffa per qualche minuto per far svanire la presenza di questo elemento.

A Camerano è in progetto la creazione di impianti per la purificazione attraverso raggi ultravioletti che andranno a sostituire il cloro. In fase di ultimazione l’ampliamento della rete delle condotte fognarie nella zona nord del Comune per raccogliere gli scarichi di via Lauretana, della zona San Germano a valle di via del Galletto e della zona a valle di via Boranico. L’ampliamento riguarda sei nuovi chilometri di condotte fognarie e tre nuove stazioni di sollevamento che trasporteranno l’acqua reflua direttamente al depuratore. L’investimento complessivo, in attesa da anni, è di due milioni e 660mila euro. Previsto anche il progetto da due milioni e cento per l’estensione della rete fognaria nella zona sud-ovest del Comune (via Direttissima del Conero) per raccogliere gli scarichi della zona Umbriano, per il nuovo ospedale e varie opere di facilitazione di raccolta reflui.