Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Cagli, rifiuta l’alcol test: scatta la denuncia penale e il sequestro dell’auto

Controlli sul territorio da parte dei carabinieri di Fano. Un arresto e tre denunce tra Cagli, Fossombrone e Fano in un fine settimana caldo. Ecco il rapporto

FANO – Un arresto e tre denunce, questo il bilancio dei controlli effettuati nel fine settimana dai Carabinieri della Compagnia di Fano, impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto ai reati predatori.

I carabinieri di Cagli hanno denunciato un cittadino marocchino, A.K., classe ’74, di Cagli, fermato a bordo della sua Fiat 500 in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’abuso di alcool. Per l’uomo, che si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento tramite etilometro, è scattata la denuncia penale, oltre al ritiro della patente e al sequestro del mezzo.

L’arresto, invece, è stato operato dai Carabinieri della Stazione di Fossombrone in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Urbino per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, per il quale un cittadino albanese, T.T., classe ’83, già noto per fatti analoghi, dovrà scontare la pena di anni 2 e mesi 2 di reclusione. Il giovane, rintracciato nel proprio domicilio di Fossombrone, è stato portato al carcere Villa Fastiggi di Pesaro.

Il Nucleo Radiomobile, inoltre, ha proceduto nei pressi della stazione ferroviaria di Fano, luogo sensibile e spesso attenzionato dai militari, al controllo di una cittadina rumena, F.I., classe  ’68,  di Rimini, che non forniva una giustificazione della sua presenza, e sulla quale è risultato pendente un ordine di espulsione della Questura di Rimini non ottemperato. Da qui la denuncia penale e l’attivazione dell’iter per il ritorno al Paese di origine.

I carabinieri delle Stazioni di Marotta e Mondolfo, sempre al fine di frenare la piaga della guida in stato di ebbrezza e sotto l’influenza di droghe e prevenire possibili incidenti stradali, hanno inoltre eseguito controlli nei pressi della Discoteca MIU J Adore di Mondolfo la notte tra sabato e domenica, quando il locale era interessato da una serata particolare dall’alta affluenza di pubblico. Due giovani sono stati segnalati alla locale Prefettura di Pesaro e Urbino per uso personale di droghe.