Migranti al servizio di Ripa Bianca

Il Belvedere dell'oasi protetta di Jesi è stato rimesso a nuovo grazie a 15 richiedenti asilo, protagonisti del progetto con il Gus. Domenica l'inaugrazione del'area ripulita

JESI – Inaugurazione domenica prossima del Belvedere dell’Oasi di Ripa Bianca, rimesso a nuovo da un gruppo di quindici ragazzi richiedenti asilo beneficiari del progetto di prima accoglienza del Gus (Gruppo Umana Solidarietà onlus) finanziato dalla Prefettura di Ancona. E’ dall’inizio del mese di marzo che stanno seguendo il Corso per operatore per la manutenzione del verde pubblico e dopo una parte teorica sono passati alla pratica, proprio nel belvedere dell’Oasi, area che ormai era andata in abbandono. Integrazione e accoglienza, ma anche formazione perché quando il progetto di prima accoglienza sarà terminato, avranno imparato un mestiere nella gestione del verde. La prossima settimana il gruppo si dedicherà alla manutenzione del sentiero a piedi nudi sempre all’Oasi di Ripa Bianca.