Centro Pagina - cronaca e attualità

Jesi

Augusto Contract, quattro realizzazioni per Roma

Una giovane realtà marchigiana, nata nel 2013 a Jesi, si sta affermando nel panorama dell'arredamento per foodservice, hospitality e retail

Giacomo Racugno CEO Augusto Contract

JESI – Una giovane realtà marchigiana si sta affermando nel panorama dell’arredamento per foodservice, hospitality e retail. Parliamo di Augusto Contract, azienda fondata nel 2013 a Jesi, e primo general contractor specializzato nella realizzazione ‘chiavi in mano’ di locali nella ristorazione commerciale. Nata da una ‘costola’ della società specializzata in tecnologia per bar, pasticcerie e gelaterie fondata da Augusto Bocchini, la giovane azienda jesina lo scorso anno ha festeggiato il traguardo dei 100 locali realizzati per 44 brand in 59 città di 8 nazioni e 3 continenti.

Nonostante il 2020 sia un annus horribilis per le imprese legate al settore food/ristorazione e dunque anche per il loro indotto, Augusto Contract ha messo a segno alcune importanti realizzazioni. La più recente è a Roma, presso il nuovo centro commerciale Maximo nel quartiere Laurentino, dove la giovane azienda ha realizzato quattro punti di vendita: Cioccolatitaliani, Hoddie Hot DogPIE Pizza Italiana EspressaPoke House. «Maximo ci ha visti impegnati nella realizzazione contemporanea di quattro locali; una bella sfida che siamo orgogliosi di aver portato avanti con i nostri clienti in questo momento particolarmente complesso – afferma Giacomo Racugno, CEO di Augusto Contract – Quello dei centri commerciali è uno dei contesti in cui lavoriamo con maggiore frequenza».

Per Poke house, quella romana è la quarta apertura della società marchigiana per la catena specializzata nei poke bowl, piatti hawaiano a base di pesce crudo. Hoddie Hot Dog è invece la prima realizzazione per il nuovo format di hot dog gourmet dei creatori di Mama Burger. Forte la la partnership fra Augusto Contract e Cioccolatitaliani: per questa catena specializzata nel mondo del cioccolato, apprezzata anche all’estero, la società di Jesi ha realizzato 31 locali in Italia. Sesta realizzazione, infine, per il brand PIE Pizza Italiana Espressa, il marchio ideato dalla famiglia Ferrieri, proprietaria di Cioccolatitaliani.

Da citare, tra le realizzazioni recenti, quella di Kōhī, la nuova “Urban Coffee Experience”, un nuovo concetto di caffetteria concentrata sull’asporto e sui gusti dei Millennials, che ha inaugurato un punto vendita a Milano, all’interno della stazione M3 di Porta Romana. L’azienda jesina in questo caso si è occupata delle opere edili, impiantistiche, dell’arredamento e delle attrezzature. «Il locale è stato concluso proprio prima del lockdown – spiega Racugno –, ma è stato possibile fare il collaudo finale solo dopo la riapertura. Kōhī per noi ha rappresentato la prima realizzazione dopo il periodo di stop». La società marchigiana di arredamenti ha vissuto poi un’estate e un inizio autunno davvero intensi per le tante aperture messe a segno: Alice Pizza a Milano in Corso Buenos Aires e Via Solari, a Torino nel Centro Commerciale Le Porte e a Roma in Via Flaminia, PIE Pizzeria Italiana Espressa all’interno del Centro Commerciale Le Isole di Gravellona Toce, Poke House nel centro commerciale Euroma2.