Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Autovelox di Loreto: un pieno di multe

Statale 16: in pochi mesi sono stati emessi circa 5.200 verbali dalla data di accensione del dispositivo a metà giugno. Il Comune potrebbe già aver incassato mezzo milione di euro

LORETO – Sono stati emessi circa 5.200 verbali dalla data di accensione a metà giugno dall’autovelox situato lungo la statale 16 in direzione nord a Villa Musone di Loreto, di cui il 30% scattati nelle ore notturne, agli automobilisti che hanno superato il limite di 70 chilometri orari. Il dispositivo elettronico di ultima generazione, il cui noleggio per 36 mesi con riscatto finale costa 65mila euro, è attivo in assenza della pattuglia della Municipale.

Un numero considerevole, mai tanto alto come le 18.300 multe in tre mesi dell’autovelox di via dell’Industria a Filottrano ma nemmeno inferiore, in proporzione, alle 7mila sanzioni in un anno del vicino dispositivo posto sempre lungo la statale nel comune di Castelfidardo, davanti alla ditta “Effetto luce”.

Il periodo in questione per quello di Loreto comprende appunto l’estate quando in particolare quel tratto della statale presenta picchi di traffico molto elevati. Considerando una media di 100 euro a multa, il Comune potrebbe già aver incassato mezzo milione di euro. Per legge i proventi derivanti dall’autovelox devono essere investiti nella sicurezza stradale, dalla manutenzione delle strade fino ai corsi per i ragazzi. Non sono stati rilevati incidenti, quasi azzerati rispetto a prima.

«L’Amministrazione comunale, ottenuti i consensi da Prefettura e Anas, ha ritenuto di posizionare l’autovelox proprio in un tratto della statale in cui si sono verificati incidenti anche mortali negli anni. Dalle risultanze raccolte la statale 16 è tra le strade più pericolose d’Italia – ribadiscono il sindaco Paolo Niccoletti e il consigliere delegato alla Polizia Giordano Battistoni -. E’ opportuno che gli automobilisti continuino a transitare sulla statale senza superare il limite. Questo è lo scopo primario della scelta operata dall’Amministrazione comunale per la salvaguardia della pubblica incolumità».

A oggi, con parte dei proventi, dopo vent’anni, Loreto ha rifatto le divise degli agenti della municipale, corpo che ha appena concluso il corso di formazione linguistica: data l’importanza strategica che la Giunta regionale attribuisce al potenziamento delle attività turistiche e dei servizi a esse collegate, e essndo Loreto meta di pellegrinaggi da tutto il mondo, la municipale deve relazionarsi con gli stranieri per dare informazioni e gestire incidenti.