Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Auto elettriche: a breve l’installazione delle colonnine a Senigallia e Trecastelli

Dopo l'accordo di programma siglato a settembre e l'approvazione del progetto esecutivo, per i due enti locali si va verso l'aggiudicazione della gara

SENIGALLIA – Va avanti il progetto per l’installazione delle colonnine di ricarica per i veicoli elettrici che vede insieme la spiaggia di velluto e la città di Trecastelli. Dopo l’approvazione del progetto esecutivo da parte di quest’ultimo ente lo scorso settembre, ora si dovrà passare all’aggiudicazione dell’appalto per poi dare il via ai lavori nei primi mesi del nuovo anno.

Il progetto per l’installazione delle colonnine di ricarica pubbliche per i veicoli elettrici che coinvolge Trecastelli (ente capofila) e Senigallia (ente aggregato) ammonta a circa 87 mila euro, di cui ben 60.900 arrivano dal contributo della Regione Marche. 

L’accordo di programma, siglato dai responsabili legali dei due enti il 16 settembre scorso (anche se l’iter burocratico va avanti dal giugno 2019), prevede che vengano installate nei due comuni quattro colonnine per permettere agli automobilisti di ricaricare i veicoli elettrici e con il secondario, ma non meno importante, scopo di aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane.

Per quanto riguarda Senigallia saranno installate tre colonnine (Marzocca, stazione fs e Cesanella), per una spesa totale di circa 65.800 euro (iva inclusa). Di questi, ben 46 mila da finanziamento regionale e gli altri 20 mila da fondi di bilancio; per Trecastelli una colonnina da sistemare in viale Enzo Paci a Monterado in sostituzione del vecchio distributore di proprietà comunale, per una spesa che ammonta a 21.200 euro (iva inclusa), di cui circa 14 mila stanziamento regionale e gli altri da fondi comunali. «Inoltre – spiega il sindaco Sebastianelli – abbiamo ricevuto un ulteriore contributo per un mezzo elettrico da sette posti, a disposizione della comunità. Un altro risultato reso possibile con la riduzione dell’indennità della giunta».