Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Aumentano i ristoratori, soffrono i negozianti

Secondo uno studio condotto dalla Cna Marche, il commercio della regione sta attraversando un momento difficilissimo, ma, considerando il numero di imprese nate nell’ultimo anno, il settore della ristorazione segna una rimonta

ANCONA – Secondo uno studio condotto dal Centro Studi della Cna Marche, il commercio della regione sta attraversando un momento difficilissimo, ma, considerando il numero di imprese nate nell’ultimo anno, il settore della ristorazione segna una rimonta.

«Siamo molto preoccupati per le difficoltà che stanno attraversando gli imprenditori del commercio e per le famiglie che vedono ridotto il potere di acquisto – afferma Andrea Riccardi, Responsabile provinciale Cna Commercio e Turismo – Se prendiamo in esame l’anno appena trascorso, nella regione Marche il commercio al dettaglio è diminuito dell’1,5%, quello all’ingrosso dello 0,6%, mentre, nella ristorazione abbiamo un leggero aumento dello 0,3%. In termini reali, confrontando il numero di imprese attive, in un anno, nel commercio al dettaglio e all’ingrosso, su tutto il territorio regionale si sono perse 355 imprese, quasi una al giorno».

Lo studio della Cna punta la lente di ingrandimento sulle città più grandi della provincia di Ancona: il capoluogo, Senigallia e Jesi.

Andrea Riccardi

«Nella provincia di Ancona – prosegue Riccardi – il settore legato alla ricettività alberghiera e alla ristorazione segna un trend positivo (+2,6%) e una variazione significativamente superiore a quella registrata per lo stesso settore nel territorio regionale (+0,6%). Confrontando l’intero 2016, positivo è l’andamento del settore attività dei servizi di alloggio e di ristorazione che cresce di 65 imprese attive e, un altro settore che guadagna imprese a ritmo particolarmente sostenuto, è quello delle attività artistiche, sportive, di intrattenimento, che cresce nella provincia di 24 unità (+4,3% contro lo 0,9% rilevato nell’intero territorio regionale). Ancona segna la situazione più strana: il commercio al dettaglio si riduce del 2,1%, mentre la ristorazione e l’alloggio salgono del 5,7%; a Senigallia il commercio al dettaglio segna un pareggio (nel 2016 il numero delle imprese attive è uguale a quello del 2015: 701),  mentre la ristorazione e l’alloggio salgono del 2%; a Jesi il commercio al dettaglio sale del 2%, mentre la ristorazione e l’aggio del 4,1%».

A detta della Cna, le istituzioni nazionali, «devono varare politiche per rilanciare i consumi, allentare la stretta burocratica e contribuire a migliorare l’accesso al credito, mentre a livello locale si devono trovare le modalità per incentivare i giovani ad avviare attività innovative e aiutare chi fa impresa a reggere l’urto di una crisi che ha stravolto l’intero paese».

«Da questi dati – dichiara Gabriele Di Ferdinando della CNA Marche – si vede come il tessuto di imprese della provincia di Ancona abbia intrapreso un moderato processo di riorganizzazione a favore di un terziario meno orientato al commercio tradizionale, ma più aperto al turismo, alla ristorazione, all’intrattenimento, all’informazione e alla comunicazione. Auspichiamo che a tali dinamiche si affianchino politiche di riqualificazione urbana che possano favorire il sistema dell’accoglienza delle nostre città e il loro ripopolamento commerciale. Le trasformazioni della società comportano altrettante modificazioni nel commercio e nel rapporto tra consumatore e offerta. La distribuzione commerciale sta vivendo una fase di grandi mutamenti con un’esigenza di competitività dell’intero sistema e una migliore sintonia tra offerta di servizi e nuovi stili di vita. In questo senso la crescita delle attività e degli eventi artistici e ricreativi può risultare fondamentale per restituire alle realtà urbane l’attrattività e la competitività nei confronti dei centri commerciali della grande distribuzione».