Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Auguri Spontini! I Comuni legati al compositore insieme a Maiolati per ricordarlo

«Questo momento insieme nel nome di Spontini è l’augurio di un cammino comune verso il 250° anniversario della sua nascita che sarà celebrato nel 2024» ha detto il sindaco Consoli ringraziando gli intervenuti

La cerimonia di anniversario

MAIOLATI- Gaspare Spontini nel cuore dei luoghi delle sue radici. Ieri – domenica 14 novembre, nel giorno dell’anniversario della nascita del Maestro, l’Amministrazione di Maiolati Spontini ha ospitato le delegazioni dei Comuni che conservano memoria della sua vita e della opera. Presenti all’incontro i rappresentanti di Jesi, con il sindaco e presidente della Fondazione Pergolesi Spontini Massimo Bacci, di Monte San Vito con il sindaco Thomas Cillo, il vicesindaco Elisa Coacci e l’assessora Luana Amici, di Fabriano con l’assessora alla Cultura Ilaria Venanzoni, di Cupramontana con il sindaco Enrico Giampieri e l’assessora alla Cultura Maddalena Mennechella, e di Monte Roberto rappresentato dall’assessore Servizi sociali Serena Cesaroni.

Dopo la cerimonia religiosa, celebrata dal parroco don Igor Fregonese, con musiche eseguite dal Maestro Claudia Mancini all’organo Callido donato alla comunità dallo stesso Spontini nel 1811, è avvenuta la deposizione della corona d’alloro nella casa natale del compositore, con l’accompagnamento dalla Società Filarmonica “Gaspare Spontini”.

Il sindaco Tiziano Consoli e l’assessora alla Cultura Tiziana Tobaldi hanno poi ricevuto nella residenza municipale gli ospiti insieme al presidente della Fondazione Gaspare Spontini Ivano Zamporlini e al direttore generale della Fondazione Pergolesi Spontini Lucia Chiatti.

«Questo momento insieme nel nome di Spontini è l’augurio di un cammino comune verso il 250° anniversario della sua nascita che sarà celebrato nel 2024» ha detto il sindaco Consoli ringraziando gli intervenuti e donando, in segno di amicizia, alcune pubblicazioni su Spontini. «La vita di Spontini è stata un viaggio attraverso tanti luoghi, ma anche – ha precisato l’assessora Tobaldi – dentro l’amore per la musica e l’attenzione agli altri, soprattutto ai più fragili. Questi valori rappresentano l’eredità di Spontini e un grande messaggio di umanità da valorizzare e da rendere attuale».