Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Approvato il bilancio. Agevolazioni Tari per famiglie e imprese

Confermata l'abolizione della Tasi sull'abitazione principale. Invariate le aliquote Imu. A parlare l’assessore al Bilancio del Comune di Trecastelli Alessandro Pellegrini

Comune di Trecastelli
Comune di Trecastelli

TRECASTELLI – Nel Bilancio di previsione 2017-2019, confermate le agevolazioni Tari alle famiglie ed imprese, invariata la tassazione immobiliare.

Nella seduta del Consiglio Comunale del 28 febbraio 2017 l’amministrazione di Trecastelli ha presentato il Bilancio di Previsione 2017-2019. Il Sindaco e ciascun assessore per il proprio ambito di competenza hanno illustrato i punti fondamentali. Si è tenuto il successivo dibattito e il Bilancio è stato approvato nella medesima seduta dal Consiglio.

«Dal punto di vista delle entrate si evidenzia che il contributo straordinario dello Stato relativo alla fusione, così come disposto art. 1 comma 447 della Legge di bilancio 2017, diviene pari a 860.000 euro con un aumentato del 150% rispetto a quello inizialmente previsto di 343.000 euro – ha illustrato l’assessore al Bilancio Alessandro Pellegrini – questa importante novità si somma al raddoppio registrato nell’anno 2016 e attesta ancora una volta l’impegno dello Stato nel voler premiare e stimolare i processi aggregativi degli enti che intraprendono questo percorso di grande innovazione e lungimiranza».

La tassazione immobiliare è stata oggetto della discussione: dopo aver ricordato che è stata confermata l’abolizione della Tasi sull’abitazione principale, è stato chiarito che i cittadini proprietari di un unico immobile adibito a propria abitazione (e le relative pertinenze) non dovranno versare nessuna imposta per l’anno in corso, come successo per il 2016.

Rimangono inoltre invariate le aliquote Imu, che continuano pertanto ad essere tra le più basse dell’intera vallata. I terreni agricoli, visto che il Comune di Trecastelli dall’anno 2016 è tornato ad essere qualificato come territorio montano, non saranno più soggetti ad imposta.

Continuando l’analisi della tassazione locale, l’assessore Pellegrini, sulla base del piano finanziario Tari precedentemente approvato, ha comunicato che le variazioni dell’imposta sui rifiuti sono state stimate nel 3-4% in considerazione, prevalentemente, del maggior costo di smaltimento della frazione organica.

Sono state confermate le agevolazioni sia alle famiglie (riduzioni in base alla situazione economica e al numero dei componenti del nucleo familiare) che alle attività economiche (esenzioni alle nuove imprese che si insediano nel territorio e agevolazioni alle imprese esistenti che assumono cittadini residenti) che a due anni dalla loro introduzione si stanno dimostrando un valido supporto per questi soggetti.