Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Vaccinazione, stop ad AstraZeneca sotto i 60 anni. Saltamartini: «Sintomi solo dopo la prima dose, possibile il richiamo»

L'assessore alla Sanità fa sapere che da domani 8 aprile nelle Marche il siero anglo-svedese sarà inoculato solo nelle persone over 60, mentre chi ha già avuto la prima dose potrà ricevere il richiamo in quanto gli effetti avversi si sono verificati dopo le prime dosi

Filippo Saltamartini

ANCONA – Stop al vaccino AstraZeneca nelle Marche nelle persone con meno di 60 anni di età, ma via libera al richiamo per chi ha già ricevuto la prima dose. A comunicarlo sulla pagina del suo profilo Facebook è l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini che fa sapere che già da domani 8 aprile nella nostra regione il siero anglo-svedese sarà iniettato solo nelle persone di età superiore a 60 anni.

Una decisione giunta dopo la Conferenza Stato Regioni con i ministri Gelmini e Speranza, il commissario straordinario per l’emergenza covid Figliuolo e il direttore dell’Istituto superiore di sanità Locatelli. Nelle ultime ore i comitati di farmacovigilanza e vaccino sorveglianza di Ema ed Aifa hanno valutato i nuovi dati relativi ai casi di trombosi e trombo-embolie a carico dei seni venosi cerebrali e addominali e secondo l′agenzia europea per i medicinali il nesso di causalità sarebbe plausibile. Per questo l′Italia ne consiglia l′uso preferenziale negli over 60 e le Marche seguono la linea nazionale.

«La conferenza è stata riunita per valutare l’uso di AstraZeneca, alla luce delle determinazioni dell’Ema, secondo cui sarebbe raccomandabile solo per le persone con più di 60 anni – scrive nel post Saltamartini – .
Sono state infatti osservate trombosi venose cerebrali e di organi addominali con una diminuzione delle piastrine per le persone con meno di 60 anni, senza la dimostrazione dell’esistenza del nesso di causalità diretta con i decessi».

Un momento della Conferenza Stato Regioni

L′assessore spiega che nel corso della Conferenza è emerso che i sintomi «sono stati osservati dopo la 1 dose e, pertanto, è possibile somministrare il richiamo con AstraZeneca. Conseguentemente si dovranno aprire gli slot delle persone da 60 a 70 anni con il siero AstraZeneca».

Intanto «da domani mattina non sarà più somministrato AstraZeneca alle persone con meno di 60 anni – prosegue – . So perfettamente che questa decisione crea ulteriore allarme e insicurezza, ma ritengo doveroso fornire informazioni tempestive e soprattutto fondate dalla partecipazione diretta alla conferenza».