Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Super Green pass, boom di terze dosi. Fimmg: «C’è anche qualche indeciso che si fa riportare sulla “retta via”»

Ambulatori medici pienissimi per le terze dosi. Il presidente regionale Fimmg spiega che ci sono richieste anche di prime dosi per effetto del Super Green pass

close up doctor in gloves holding syringe and making injection to patient in medical mask. Covid-19 or coronavirus vaccine

ANCONA – Crescono le richieste di terze dosi, ma anche di prime somministrazioni, negli ambulatori dei medici, per effetto dell’introduzione del Super Green pass. A confermare il trend in crescita è il dottor Massimo Magi, presidente regionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale). «Abbiamo gli ambulatori pienissimi – spiega – per la terza dose e anche per la vaccinazione antinfluenzale» ma tra gli assistiti c’è anche qualcuno che chiede la prima dose di vaccino.

A spingere le richieste «è la paura del contagio, l’introduzione del Super Green pass e anche il fatto che le persone stanno capendo che la vaccinazione è uno strumento efficace» afferma il medico, nel sottolineare che negli ultimi giorni, da quando è iniziata a diffondersi la notizia del Green pass, le richieste di ricevere il vaccino anti-Covid sono aumentate e le persone «hanno deciso di accelerare sulla terza dose».

Massimo Magi, presidente regionale Fimmg

«È iniziato ad arrivare anche qualche ritardatario o dubbioso – afferma, riferendosi ai non vaccinati – : alcuni si lasciano convincere dalle motivazioni della vaccinazione e si fa riportare sulla “retta via”».  Ad andare bene è anche la vaccinazione antinfluenzale, anche se segna un numero inferiore di richieste rispetto a quella anti-Covid.

Magi, spiega che quest’anno «l’influenza stagionale è tornata a mordere, perché si sono ridotte le misure di protezione personale» come il distanziamento sociale e questo ha favorito la ripresa della circolazione di questo virus: il medico invita alla co-somministrazione dei due vaccini (antinfluenzale e anti-Covid) in quanto, eseguiti contemporaneamente «aumenta la risposta immunitaria».