Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Ancona, sigilli ad una palestra abusiva del centro: titolare multato

Ad applicare i sigilli alla struttura, sono stati i poliziotti della Squadra Amministrativa e di sicurezza della Questura di Ancona, i quali ritengono che la palestra operasse abusivamente ormai «da alcuni anni»

polizia, volante, squadra mobile

ANCONA – Giù le serrande per una palestra del centro storico di Ancona che «operava senza autorizzazioni». Ad applicare i sigilli alla struttura, sono stati i poliziotti della Squadra Amministrativa e di sicurezza della Questura di Ancona, i quali ritengono che la palestra operasse abusivamente ormai «da alcuni anni».

Nella serata di ieri, gli agenti, in collaborazione con la Squadra edilizia e Commercio della Polizia locale di Ancona, insieme al personale Asur dell’Area Vasta due, hanno eseguito un controllo congiunto a seguito di una segnalazione.

I poliziotti hanno eseguito il sequestro amministrativo della struttura ed hanno sanzionato il titolare e proprietario dell’immobile, un uomo di 83 anni, che dovrà pagare 2mila euro in quanto la palestra abusiva non aveva alcuna autorizzazione ad operare.

Altri 400 euro per non avere rispettato la normativa Anti-covid: nel locale infatti non era stata adottata alcuna misura di contenimento della pandemia, come rilevazione della temperatura all’ingresso, controllo del Green pass.

Gli agenti stanno tutt’ora eseguendo una serie di accertamenti per verificare il possesso della certificazione verde da parte degli utenti sorpresi in palestra durante il sopralluogo. Sei le persone che si stavano allenando quando i poliziotti sono entrati nella struttura insieme alla Polizia Locale.

I poliziotti nei giorni precedenti avevano condotto dei servizi di appostamento nei pressi dell’immobile, accertando che numerosi “clienti” si recavano nella palestra accedendo dal seminterrato per non dare nell’occhio.