Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Rt in discesa nelle Marche. Torrette riduce l’Area del Pronto Soccorso da 22 a 3 letti

Scende sensibilmente il numero degli accessi dei pazienti positivi al covid al Pronto Soccorso di Torrette dove si attestano ad una media giornaliera di uno-due casi

Il Pronto Soccorso di Torrette

ANCONA – Torna a scendere l’Rt nelle Marche. L’indice di trasmissibilità passa da 0,95 a 0,81. Per la Marche si appresta una nuova settimana in zona gialla e se il trend proseguirà con questi numeri si potrebbe arrivare nel giro di poche settimane alla zona bianca che scatta con un Rt sotto quota 0,5.

Si allenta ancora la morsa dei ricoveri e gli ospedali gradualmente si stanno svuotando di pazienti covid. Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende dal 24 al 20%, 4 punti percentuali in meno rispetto alla scorsa settimana e 10 punti percentuali sotto la soglia critica fissata al 30%. Anche in area non critica si registra un considerevole miglioramento: l’occupazione dei posti letto è scesa dal 24 al 16%, 8 punti percentuali in meno rispetto alla settimana passata e 24 punti percentuali sotto la soglia critica, fissata al 40%.

Rispetto al quadro nazionale le Marche sono in linea per quanto riguarda il carico ospedaliero dei reparti di area non critica che mediamente nel resto del Paese registra un 17%, invece in terapia intensiva la nostra Regione vede un numero di posti letto occupati superiore di 3 punti percentuali rispetto alla media nazionale che si attesta al 17%.

Al Pronto Soccorso di Torrette la situazione è considerevolmente migliorata rispetto alle scorse settimane. «Gli accessi si sono ridotti decisamente, anche se uno o due positivi al giorno li abbiamo sempre – afferma Susanna Contucci, direttore del Pronto degli Ospedali Riuniti di Ancona – . ma ora i numeri sono risibili rispetto a quelli che abbiamo avuto in passato».

Aldo Salvi e Susanna Contucci

Grazie a questo trend in miglioramento l’area covid del Pronto Soccorso dell’ospedale regionale, allestita nel reparto Obi (osservazione breve intensiva) è stata notevolmente ridotta, e dalle 22 postazioni per covid positivi è passata in questi giorni ad una sola stanza con tre posti letto. Una configurazione che verrà mantenuta anche per il periodo estivo come spiega la dottoressa Contucci.

«Andremo avanti così per tutta l’estate – afferma – sicuramente fino all’autunno»,. Il numero degli accessi giornalieri di pazienti positivi al virus isi è attestato su una media di 1-2 casi al massimo, con età media intorno ai 50 anni. Ma non mancano anche alcuni accessi di pazienti anziani covid positivi che arrivano dalle Rsa del territorio in seguito ad un peggioramento.

Ad oggi a Torrette restano covid la palazzina di Malattie Infettive, parte della Clinica di Rianimazione e del Pronto Soccorso, mentre la Sub Intensiva diretta da Aldo Salvi è stata smantellata, così come l’area cov 4. La campagna di vaccinazione ha un ruolo cruciale in questo trend di miglioramento. «È importante vaccinarsi e continuare a correre con la campagna di immunizzazione» conclude Susanna Contucci, nel rivolgere un appello al rispetto delle misure di sicurezza (distanziamento, mascherina e igienizzazione delle mani».