Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Trasporto scolastico ibrido e elettrico: maxi bando per Ancona, Pesaro e Fano

Il Ministero dell'Ambiente ha stanziato fondi per l'acquisto di mezzi ibridi o elettrici per il trasporto scolastico delle scuole d'infanzia ed elementari, comunali e statali

Scuolabus (Foto di David Mark da Pixabay)

ANCONA – Maxi bando per incentivare la mobilità sostenibile nel trasporto scolastico.  La misura prevista dal Ministero dell’Ambiente, interessa in via sperimentale 3 comuni delle Marche: Ancona, Fano e Pesaro. Ad annunciarlo sono la senatrice marchigiana del Movimento 5 Stelle Donatella Agostinelli e la deputata facilitatrice Mirella Emiliozzi.

Per l’iniziativa è stato disposto uno «stanziamento di 20 milioni di euro dal Ministero dell’Ambiente», spiega la senatrice Agostinelli, risorse che saranno impiegate per l’acquisto di mezzi ibridi o elettrici per il trasporto scolastico delle scuole d’infanzia ed elementari, comunali e statali. Le amministrazioni comunali dovranno presentare i loro progetti.

«È una misura importante, perché promuove la mobilità sostenibile – dichiara la deputata Emiliozzi -. Per tutelare l’ambiente e combattere l’inquinamento è fondamentale rinnovare i parchi automezzi e utilizzare quelli a minor impatto soprattutto per i trasporti frequenti tra i quali, appunto, quelli tra casa e scuola».

Con gli stessi fondi nei 3 comuni marchigiani potranno essere finanziati progetti di promozione di trasporto scolastico sostenibile, realizzare punti di ricarica con colonnine elettriche, acquistare nuovi mezzi e pensiline per gli scuolabus, monitorare i benefici ambientali.

Obiettivo dell’iniziativa, migliorare l’ambiente in queste 3 città dove sono stati «violati i parametri di qualità dell’aria urbana così tante volte da aver concorso alla procedura d’infrazione comunitaria cui è sottoposta l’Italia» dichiara Emiliozzi, sottolineando che il provvedimento consentirà «di risparmiare», ma anche «di rendere le nostre città più pulite e sostenibili» oltre che «di porre rimedio alla malagestione dei sindaci e delle giunte di Ancona, Pesaro e Fano».

Riferendosi alla città di Ancona, la senatrice Agostinelli afferma: «La città ha una reale necessità di questi fondi, visti i dati recenti sulla pessima qualità dell’aria. L’amministrazione non si lasci sfuggire questa occasione per porre rimedio a quanto di sbagliato ha fatto o ha omesso di fare in questi anni».