Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Figliuolo e Curcio in Regione, Acquaroli: «Confronto molto costruttivo, siamo a un punto di svolta»

Il governatore fa il punto dopo la tappa nelle Marche del commissario straordinario per l'emergenza Covid e del capo della Protezione civile. «Ieri con 9mila vaccini abbiamo raggiunto il miglior risultato fino ad oggi»

Il vertice a Palazzo Raffaello con Figliuolo e Curcio

ANCONA – «Le parole del Generale ci dicono che siamo sulla strada giusta. Una visita importante, quella di oggi, e un confronto molto costruttivo da cui partire per fare ancora meglio». È il commento del presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli dopo la visita a Macerata e ad Ancona del commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, generale Francesco Paolo Figliuolo, e del capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio.

Accompagnati dal governatore Acquaroli e dall’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini, i vertici della gestione dell’emergenza pandemica questa mattina alle 10 hanno partecipato all’inaugurazione del nuovo punto vaccinale di Piediripa di Macerata, per poi portarsi alle 11.15 al punto vaccinale di Ancona, allestito presso l’impianto sportivo Paolinelli. In chiusura la tappa a Palazzo Raffaello, sede della Regione Marche, per un confronto con la giunta regionale e i prefetti delle Marche nel quale è stato fatto il punto sulla situazione dei vaccini.

Da sinistra Saltamartini, Figliuolo e Acquaroli

«La campagna di vaccinazione sta entrando nel vivo – ha detto il governatore Acquaroli -. Organizzarla non è facile, ci sono tante variabili, ma siamo a un punto di svolta importante. Ieri con 9mila vaccini abbiamo raggiunto il miglior risultato fino ad oggi e siamo convinti che nei prossimi giorni riusciremo a fare di più. Appena i rifornimenti del vaccino ce lo consentiranno».

Il presidente della Regione Marche ha sottolineato che per accelerare la campagna vaccinale «metteremo in campo altre iniziative con il coinvolgimento delle imprese, delle associazioni di categoria e dei sindacati», l’intenzione è quella di «mettere in sicurezza tutta la popolazione il prima possibile».

L’assessore alla Sanità Saltamartini ha rimarcato: «Ci avviciniamo a grandi passi ai target indicati dal generale (Figliuolo, ndr) per avere nel giro di tre mesi l’immunità di gregge. Se i rifornimenti di dosi di vaccino proseguiranno come previsto, entro luglio potremo vaccinare almeno 900mila persone».

Francesco Paolo Figliuolo

Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo in Regione ha annunciato «appena completeremo gli over 80 e i fragili apriremo la vaccinazione alle classi produttive».

Inoltre, ha preso ad esempio i punti vaccinali di Piediripa e Ancona, «il primo è l’essenza del piano vaccinale realizzato grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, l’altro è un esempio da seguire perché rappresenta una struttura semplice, a costo zero ed efficace».

Il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio ha ricordato che le Marche portano «ancora le ferite del sisma e questa emergenza nazionale si va a sommare in alcuni territori alla necessità di ricostruire. In queste aree c’è bisogno di un’attenzione in più».

Un momento del vertice a Palazzo Raffaello