Nuovo Citroen C5 Aircross Hybrid Plug-in
Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Elezioni nelle Marche, Fratelli d’Italia traccia le priorità: «Rappresenteremo tutti i cittadini»

L'analisi del voto delle politiche da parte dei sei marchigiani eletti tra senato e parlamento, tra priorità e sfide del prossimo governo

Conferenza stampa Fratelli d'Italia ad Ancona

ANCONA – «Rappresenteremo tutti i marchigiani». Lo ha detto la coordinatrice regionale di Fratelli d’Itala, Elena Leonardi, alla conferenza stampa ad Ancona, nella sede del partito, per fare il punto con gli eletti delle Marche e i candidati alle elezioni politiche, sui risultati del partito e sulle sfide. Cinque i parlamentari eletti nelle Marche, 3 alla Camera (Abano, Benvenuti Gostoli e Baldelli) e 2 al Senato (Castelli e Leonardi), più la deputata marchigiana uscente, Rachele Silvestri, eletta in Abruzzo.

Leonardi ha rimarcato che Fratelli d’Italia, che nel Paese ha raggiunto un 26% circa di consensi, nelle Marche con il 29% circa ha superato la media nazionale del partito. L’impegno dei parlamentari eletti per le Marche sarà indirizzato a «recuperare il ritardo infrastrutturale, sulla ricostruzione post sisma, dirimente per il rilancio dell’entroterra», insieme al tema dell’alluvione che ha colpito anconetano e pesarese e che la coordinatrice di Fratelli d’Italia ha definito «prioritario».

Secondo Guido Castelli, assessore regionale al Bilancio e neosenatore «i dossier aperti nelle Marche devono essere in testa all’agenda del governo nazionale», tra questi ha annoverato la ricostruzione post sisma, l’alluvione, il tema infrastrutturale, insieme alle risorse per il sud a cui le Marche devono «partecipare» visto che dal 18 luglio sono ufficialmente regione in transizione.

Lucia Albano, riconfermata alla Camera, ha spiegato che è fondamentale «riportare le Marche al centro dell’agenda nazionale» e dare «sostegno a imprese, made in Italy e made in Marche», mentre per la riconfermata deputata Rachele Silvestri, eletta in Abruzzo, «erano più di 11 anni che dalle urne non usciva un parlamento che poteva dare stabilità al Paese» e una «programmazione quinquennale».

Antonio Baldelli, eletto per la prima volta alla Camera ha posto tra le priorità anche l’alluvione che ha colpito la sua città, Pergola, spiegando che occorre dare sostegno ai comuni colpiti, alle famiglie, alle imprese e ai commercianti che hanno subito danni. Il coordinatore di FdI Stefano Maria Benvenuti Gostoli, eletto alla Camera nel collegio di Ancona, ha ricordato che il suo era «l’unico contendibile» dal centrosinistra, che ora non ha più una rappresentanza in parlamento in quella zona.