Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Dpcm, presidio degli imprenditori della ristorazione e delle palestre a Palazzo Raffaello

I lavoratori delle categorie più colpite dalle restrizioni dell'ultimo Decreto, si sono ritrovati davanti alla sede della Regione Marche dove ad ascoltarli c'era l'assessore Carloni: «Continueremo a lavorare per far capire al governo che questa misura è sbagliata»

Le proteste davanti alla Regione contro il Dpcm

ANCONA – Imprenditori e lavoratori di ristoranti, bar, palestre e piscine, si sono ritrovati nel tardo pomeriggio davanti alla sede della Regione Marche per manifestare il loro dissenso contro le misure introdotte dal nuovo Dpcm. 

Il provvedimento, che ha imposto la chiusura anticipata alle 18 per bar e ristoranti, mentre ha sancito una serrata totale per palestre, piscine, cinema e teatri, sta suscitando una serie di proteste in diverse piazze italiane, da Napoli, a Roma, poi Torino e Genova. E anche nelle Marche le persone non sono rimaste a guardare: gli imprenditori e tanti marchigiani sono scesi in piazza a Pesaro, mentre ad Ancona si sono radunati in presidio davanti a Palazzo Raffaello.

Gli imprenditori in presidio davanti alla Regione Marche. Con loro l’assessore regionale Carloni

Le attività produttive non ci stanno ad essere tacciate quali luogo di contagio per di più, nel caso dei ristoratori, a fasce orarie. A manifestare solidarietà ai lavoratori dei settori colpiti è stato il vicepresidente della Giunta e assessore alle attività produttive, Mirco Carloni, che è sceso ed ha incontrato i lavoratori, ascoltando le loro ragioni e manifestando il loro dissenso contro le nuove misure che rischiano di mettere in ginocchio intere categorie produttive, rischiando di impennare i livelli di disoccupazione.

«Ho espresso solidarietà a queste persone – ha dichiarato l’assessore Mirco Carloni – . Come Regione Marche sia sabato, durante la conferenza Stato -Regioni, che domenica, abbiamo manifestato al governo tutte le nostre perplessità circa questa scelta, soprattutto sugli orari e sul fatto che non c’è alcuna evidenza scientifica che ci fossero i contagi all’interno dei locali».

Il rischio, osserva Carloni, è di «fare delle vittime in un momento abbastanza drammatico per tutti quanti noi. Resteremo vicini a queste categorie produttive e continueremo a lavorare per far capire al governo che questa misura è sbagliata». Già questa mattina la Regione si era mossa annunciando un imminente bando da 1,3milioni per gli investimenti industriali nelle Marche ma presto potrebbero arrivare anche nuove misure.

Il presidio