Continuano gli incentivi Citroen
Continuano gli incentivi Citroen
Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Crac Banca Marche, la sentenza di primo grado: condannati in sei, dirigenti e funzionari

Sei condanne per bancarotta fraudolenta, fra questi Massimo Bianconi (10 anni e 6 mesi) e Stefano Vallesi (9 anni) e sei assoluzioni

ANCONA – Sei condanne per bancarotta fraudolenta e sei assoluzioni. Si è chiuso così il processo di primo grado per il crac di Banca Marche e della controllata Medioleasing. La sentenza, letta dal giudice Grassi, arrivata poco dopo le 17:30 di oggi in Tribunale ad Ancona. L’istituto di credito marchigiano, che aveva 44mila azionisti, era fallito nel marzo del 2016. Il processo aveva preso avvio il 5 settembre del 2019 e si era snodato attraverso 60 udienze dibattimentali. 

La pena più alta è stata inflitta a Massimo Bianconi ex direttore generale di Banca Marche, condannato a 10 anni e 6 mesi di carcere, l’ex vicedirettore generale dell’area mercato Stefano Vallesi a b, l’ex capo area crediti Massimo Battistelli a b, l’ex capo concessione crediti Giuseppe Paci a 5 anni e 8 mesi, l’ex direttore generale Medioleasing Giuseppe Barchiesi a 7 anni e 6 mesi, l’ex capo servizio commerciale Medioleasing Daniele Cuicchi a 4 anni e 6 mesi.

L’Aula del Tribunale alla lettura della sentenza

Per Bianconi, Vallesi, Paci e Barchiesi il collegio penale ha stabilito anche la pena accessoria dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre per Battistelli e Cuicchi 5 anni di interdizione. Inoltre, tutti gli imputati condannati dovranno risarcire le parti civili dei danni (liquidati in separata sede) e dovranno provvedere al pagamento di una provvisionale nella misura del 5% dell’importo nominale dei titoli finanziari posseduti. I 6 condannati per bancarotta, sono stati assolti dall’accusa di falso in bilancio, per la quale la procura aveva chiesto condanne. Cessata la posizione processuale dell’ex presidente dell’istituto bancario, Lauro Costa, deceduto nel dicembre scorso.

Assolti invece da tutte le accuse (bancarotta e falso in bilancio perché il fatto non costituisce reato) gli altri sei imputati: l’ex presidente di Banca Marche Michele Ambrosini, gli ex componenti del cda Giuliano Bianchi e Bruno Brusciotti, l’ex presidente del cda Tonino Perini, l’ex dirigente di Banca Marche Paolo Arcangeletti, assolto anche l’ex vicedirettore generale di Banca Marche Claudio Dell’Aquila. Il collegio penale è rimasto in camera di consiglio per circa sei ore.