Attualità

Consiglio regionale: Latini, Pasqui, Biancani e Vitri confermati. Borroni new entry

Rinnovo dell'ufficio di presidenza al giro di boa dei 30 mesi dall'inizio del mandato. Le votazioni si sono svolte questa mattina in apertura della seduta odierna del Consiglio regionale

Seduta aperta del Consiglio regionale

ANCONA – Dino Latini (Udc) confermato alla presidenza dell’Assemblea Legislativa delle Marche, confermati alla vice presidenza anche Gianluca Pasqui (FI) e Andrea Biancani (Pd), mentre nella segreteria avvicendamento tra Pierpaolo Borroni (FdI) e Marco Marinangeli (Lega) e conferma per la dem Micaela Vitri. È l’esito del rinnovo dell’ufficio di presidenza al giro di boa dei 30 mesi dall’inizio del mandato. Le votazioni si sono svolte questa mattina in apertura della seduta odierna del Consiglio regionale.

L’auspicio espresso dal presidente regionale Latini è stato quello di «aprire in questo scorcio di legislatura una strada di lavoro in cui chiarezza, trasparenza e rispetto dei rapporti migliorino e si consolidino». «Il mio impegno – ha concluso – sarà di fornire ad ognuno il suo ruolo e il suo compito, senza sovrapposizioni, né rivendicazioni, ma uniti insieme per dare la miglior funzionalità possibile all’Assemblea legislativa».

La conferma di Latini era stata proposta in apertura di seduta dal capogruppo della Lega Renzo Marinelli, che aveva invocato unità oltre che sulla presidenza anche per le altre cariche. Appoggio anche dal capogruppo di Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli, che aveva affermato di aver accolto l’appello del presidente della Giunta Francesco Acquaroli e di tutti i gruppi consiliari e dalla capogruppo di Forza Italia Jessica Marcozzi secondo la quale Latini nei 30 mesi di presidenza «è stato garante sia per la minoranza che per la maggioranza».

Il capogruppo del Pd Maurizio Mangialardi durante la discussione che ha preceduto il voto aveva auspicato che l’appello della maggioranza fosse sostanziato non solo limitatamente all’ufficio di presidenza, ma «ad un assetto complessivo che riguardi non solo un pezzo, ma tutta la costellazione istituzionale» ed ha auspicato da parte della presidenza garanzie sul «rispetto dei ruoli» e «disponibilità ad ascoltare la proposta che arriva dalla minoranza».

La capogruppo del Movimento 5 Stelle Marta Ruggeri, invece dal canto suo, aveva rimarcato che «ci sono stati dei momenti in cui l’Aula si poteva gestire in maniera più energica», inoltre aveva definito «poco chiare» le parole espresse dalla maggioranza verso il rinnovo della presidenza, affermazioni a cui il consigliere Ciccioli ha replicato affermando «la maggioranza è assolutamente sufficiente» e confermando la fiducia a Latini. Alla fine sia dal Pd che dal Movimento 5 Stelle è arrivato il sostegno alla candidatura di Latini alla presidenza.

Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Pierpaolo Borroni, componente della IV Commissione consiliare, subentra al consigliere della Lega Marco Marinangeli: «Un’elezione che mi ha fatto molto piacere e per la quale ringrazio, in primis, Fratelli d’Italia per avermi indicato e l’intera maggioranza di centrodestra per averla confermata con il voto. Si tratta di un riconoscimento personale che mi gratifica e mi spingerà a mettermi a disposizione del presidente Dino Latini e degli altri colleghi per fare in modo che i lavori dell’Aula consiliare possano svolgersi nell’interesse esclusivo dei marchigiani e, quindi, licenziando i provvedimenti che vadano incontro alle loro concrete esigenze ed aspettative. Nel corso di questa prima metà della Legislatura, come centrodestra, sono state tante le Leggi regionali approvate e che rispondono in pieno a questi propositi. Andiamo avanti, ancora più spediti e con la politica del fare bene che contraddistingue la Giunta Acquaroli e l’intera maggioranza».

Ti potrebbero interessare