Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Conferenza Stato-Regioni, Saltamartini chiede più vaccini. In arrivo sanitari nelle Marche

Tra le richieste poste sul tavolo dall'assessore alla Sanità c'è anche quella di inserire medici e insegnanti tra le categorie prioritarie per la vaccinazione contro il Covid

Filippo Saltamartini

ANCONA – Più vaccini, insegnanti e studenti fra le categorie prioritarie nella vaccinazione contro il covid-19. Sono le richieste avanzate dall’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini nella Conferenza Stato – Regioni che si è tenuta ieri con il ministro della Salute Speranza, il Commissario Arcuri e il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia. L’assessore ha chiesto di incrementare le dosi in arrivo per dare avvio ad «una campagna di vaccinazione di massa, utilizzando la struttura e l’organizzazione sanitaria già impegnata nella realizzazione dello screening» gratuito.

«Abbiamo anche sollecitato la possibilità di vaccinare insegnanti e studenti, subito dopo la prima fase riservata al personale sanitario, per consentire la ripresa dell’attività didattica in presenza e nella massima sicurezza» spiega evidenziando di aver ribadito la necessità di un provvedimento normativo urgente «magari, in sede di conversione dell’ultimo decreto legge emanato, per chiamare in servizio medici e infermieri in quiescenza con quota 100, a cui la legge impedisce oggi di svolgere attività lavorativa».

L’obiettivo è quello di colmare una carenza di personale sanitario che pesa sull’intero Paese, Marche incluse, e che consentirebbe di imprimere una significativa accelerazione alla campagna vaccinale contro il covid. Saltamartini spiega che il Commissario Arcuri ha garantito l’assunzione di medici e infermieri da destinare alle Marche, tramite il bando nazionale,  entro la fine di gennaio.