Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Garden Europa Azienda Florovivaistica
Garden Europa Azienda Florovivaistica

Caccia, dal Tar stop in via precauzionale ad attività venatoria in pre apertura per «quattro specie»

Si tratta del germano reale, dell'alzavola, della marzaiola e della quaglia. Lo rendono noto Lac, Lav, Lipu e Wwf Marche che avevano presentato ricorso

ANCONA – Stop alla caccia in preapertura per quattro specie. Lo rendono noto le associazioni ambientaliste. «Il Tar Marche – spiegano Lac, Lav, Lipu e Wwf Marche – ha accolto parte del ricorso presentato da associazioni ambientaliste e ha sospeso la caccia a quattro specie in preapertura» in « via precauzionale». Si tratta del germano reale, dell’alzavola, della marzaiola e della quaglia.

Secondo le associazioni ambientaliste, è stato «scongiurato quindi un gravissimo danno al patrimonio indisponibile dello Stato». Lac, Lav, Lipu e Wwf Marche ricordano di aver dovuto presentare il ricorso al Tar per ribadire un «concetto semplice e che sembrerebbe scontato, ovvero che la caccia non è un diritto acquisito, ma una semplice concessione, regolata e dettata sia da leggi dello Stato e dai suoi organismi scientifici, che dalla Comunità Europea, con svariati trattati internazionali».

«Speravo in una sospensione piena delle preaperture anche per la tortora selvatica, che è una specie minacciata a livello europeo e in forte declino e per il colombaccio – dice Danilo Baldini delegato Lac Marche -, ma per queste specie non c’era parere contrario dell’Ispra. Più di così era praticamente impossibile».

«Per l’ennesima volta, – affermano Lac, Lav, Lipu e Wwf Marche – la Regione Marche è stata censurata dal Giudice amministrativo, perché ha maldestramente tentato di forzare i pareri scientifici, il diritto nazionale e comunitario, la giurisprudenza e anche il buonsenso, permettendo nel calendario venatorio la caccia già dal primo settembre a delle specie che invece dovrebbero essere tutelate e protette, perché ancora in fase di allevamento della prole».

«Anche l’Ispra (Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale) – aggiungono – aveva espresso parere negativo all’apertura della caccia alle suddette specie, ma la Regione Marche aveva completamente ignorato tale parere, discostandosene senza motivarlo in maniera adeguata e coerente».

La trattazione completa del ricorso avverrà durante la camera di consiglio del 14 settembre e le associazioni ambientaliste «confidano nel Tar Marche che ha sempre dimostrato equilibrio nel valutare l’interesse di chi vuole cacciare ed uccidere la fauna selvatica e di chi invece vuole difendere un patrimonio collettivo, anche alla luce della nuova formulazione dell’Art. 9 della Costituzione, che introduce la tutela della biodiversità come fondamento del nostro vivere comune».