Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Banca Marche, riflettori sulle fasi prima della messa in risoluzione

Nuova udienza del processo per il crac dell'istituto di credito marchigiano. In Aula, ad Ancona, l'ex vice capo del dipartimento di vigilanza bancaria di Bankitalia, Stefano De Polis

tribunale di Ancona
Tribunale di Ancona

ANCONA – Le fasi dell’amministrazione straordinaria prima della messa in risoluzione di Banca delle Marche sono state al centro della nuova udienza del processo per il crac dell’istituto di credito marchigiano.

Nell’Aula del Tribunale di Ancona è stato ascoltato Stefano De Polis, l’ex vice capo del dipartimento di vigilanza bancaria e finanziaria di Bankitalia e dall’ottobre 2015 responsabile dell’unità di Bankitalia incaricata della risoluzione e gestione delle crisi bancarie.

Ripercorrendo le fasi delle ispezioni che hanno costellato il periodo prima della risoluzione, avvenuta nel novembre 2015, De Polis ha posto l’accento sulle criticità emerse in seguito all’erogazione di finanziamenti a grandi gruppi edili.

De Polis, interrogato dall’avvocato di parte civile, Corrado Canafoglia, ha ricordato che a settembre 2013 la Bce (Banca Centrale Europea) finanziava Banca Marche ritenendola solvibile: Bankitalia aveva erogato all’istituto di credito marchigiano un prestito Ela (emergency liquidty assistance) per 4 miliardi e 200 milioni di euro, un finanziamento straordinario concesso solo a banche solvibili che si trovano in crisi temporanea di liquidità.

Il teste ha riferito che Bankitalia aveva recuperato l’importo durante il commissariamento e che a fine 2015 l’istituto di credito si è trovato così in uno stato di illiquidità al quale è seguita la risoluzione: le perdite di Banca Marche sono passate dai 745milioni dell’agosto 2013 ai 2miliardi e 372milioni del bilancio 2015.

«Oggi son state confermate condotte che aprono soluzioni di risarcimento per i risparmiatori truffati di Banca Marche, al di fuori delle responsabilità degli attuali imputati» commenta l’avvocato Corrado Canafoglia. Prossima udienza, il 22 marzo quando sarà ascoltato di nuovo De Polis.

Exit mobile version