Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

AstraZeneca, via libera dall’Ema. Nelle Marche riprende la vaccinazione dal 20 marzo

Dopo il parere positivo dell'Agenzia europea del farmaco, riprendono gradualmente nella regione le iniezioni con il siero britannico. Per chi è in attesa della seconda dose gli appuntamenti saranno riprogrammati

ANCONA – Via libera dall’Ema al vaccino AstraZeneca. Dopo il blocco nell’impiego del siero britannico imposto dall’Aifa sul territorio nazionale in seguito a tre decessi, e da alcuni Paesi dell’Ue, l’agenzia europea per i medicinali si è espressa nel pomeriggio di oggi 18 marzo, spiegando che il siero britannico «non può essere associato a un incremento degli eventi di trombosi» e che i casi «sono inferiori» rispetto a quelli che avvengono tra i non vaccinati.

L’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini fa sapere che nelle Marche «saremo pronti a riprendere i richiami con AstraZeneca da sabato» 20 marzo e che per chi è in attesa della seconda dose gli appuntamenti saranno riprogrammati.

Intanto prosegue la vaccinazione con Pfizer-Biontech e Moderna ai cittadini di età superiore ad 80 anni che hanno ricevuto la prima dosa tra il 20 febbraio e il 12 marzo, mentre la Regione lavora al sistema di messaggistica per avvisare i marchigiani, al potenziamento del numero verde e ad un sito web informativo.

La Regione in una nota stampa fa sapere che «si è proceduto alla predisposizione degli elenchi degli utenti a cui, negli scorsi giorni, era stato sospeso l’appuntamento per il vaccino e che saranno contattati telefonicamente, a partire da venerdì 19 marzo, dagli operatori che forniranno loro indicazioni circa il giorno, il luogo e l’orario del nuovo appuntamento per la vaccinazione»I punti vaccinali sono stati potenziati per il recupero di tutti gli appuntamenti entro il 31 marzo.