Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

AstraZeneca, la Regione sospende nuovo lotto nelle Marche «in via del tutto precauzionale»

Lo fa sapere la Regione Marche in una nota stampa dove spiega di averlo sostituito con altri lotti a disposizione. La decisione in seguito al caso del docente deceduto a Biella

Doctor withdrawing medication from Coronavirus vaccine tube

ANCONA – Sospeso l’utilizzo di un nuovo lotto del vaccino AstraZeneca nelle Marche. Dopo il lotto ABV2856, il cui impiego era stato stoppato l’11 marzo, questa volta «in via del tutto precauzionale, è stato accantonato l’utilizzo del lotto AstraZeneca ABV5811, a seguito degli eventi verificatisi in Piemonte». 

Nella giornata di ieri un docente 58enne della provincia di Biella è deceduto alcune ore dopo la somministrazione del vaccino anti-covid di AstraZeneca. Nelle Marche la Regione fa sapere di averlo «sostituito con altri ulteriori lotti di vaccino a disposizione».

In questa fase della campagna vaccinale, le dosi di AstraZeneca vengono iniettate alle forze dell’ordine, al personale del mondo della scuola, delle Prefetture e dei Tribunali. Inoltre, se prima era riservato alle persone fino a 65 anni di età, ora viene utilizzato anche negli over 80, in seguito all’autorizzazione dell’Aifa dai 18 anni in su.

«La decisione è assunta a scopo cautelativo in attesa delle verifiche del caso e di ulteriori eventuali decisioni delle autorità competenti – scrive la Regione nella nota stampa – . A riguardo l’Aifa ha già dichiarato che non esiste nessuna causalità dimostrata tra il decesso e la somministrazione del farmaco e che le attività di farmacovigilanza proseguono sia a livello nazionale che europeo».

«Aifa – conclude – rassicura fortemente i cittadini sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca. La Regione Marche è attenta a garantire in ogni caso la massima sicurezza nella campagna vaccinale e crede nella necessità e nell’efficacia della profilassi al fine del superamento della pandemia».