Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Apocalisse fa boccheggiare le Marche, si sfiorano i 40 gradi. Sassocorvaro la località più calda

L'anticiclone africano Apocalisse fa boccheggiare le Marche, e si sfiorano i 40 gradi. Sassocorvaro la località più calda. Il punto con la Protezione civile

Caldo, afa (Image by Nicola Giordano from Pixabay)

ANCONA – Le vallate delle Marche sfiorano i 40 gradi. L’anticiclone africano Apocalisse, un nome che ‘tradisce’ subito le temperature record, sta facendo boccheggiare un po’ tutta la regione, ma soprattutto le conche e le vallate dell’entroterra. Gran parte delle città delle Marche sono da bollino arancione, come si legge dal bollettino delle ondate di calore diramato dalla Protezione civile reginale.

Sassocorvaro, nel pesarese, oggi è la località più calda delle Marche: qui attorno alle 13 sono stati registrati i 39,8 gradi spiega Francesco Boccanera, meteorologo della Protezione civile regionale. Temperature torride anche nella vallata dello jesino (nell’anconetano), con Montecarotto dove la colonnina di mercurio segna i 39,7 gradi. Villa Potenza, nel maceratese, oggi tocca i 39,3 gradi, così come Mondavio, nel pesarese.

Guardando ai capoluoghi di provincia, il più caldo oggi è Macerata dove si registrano 38 gradi, seguito da Ascoli Piceno con 37,3 gradi, Fermo con 35 gradi, Pesaro con 34 gradi e Urbino 33,9 gradi. Si sta un po’ meglio ad Ancona dove la colonnina di mercurio segna 33 gradi.

Caldo, afa (Image by Anja from Pixabay)

«Nel pomeriggio ci aspettiamo di raggiungere e superare i 40 gradi in alcune località delle valli – spiega Boccanera – , mentre domani le temperature registreranno un lieve calo per venti provenienti dai quadranti settentrionali e quindi per domani in molte località non sarà più bollino arancione, ma giallo. Le temperature resteranno ancora sopra valori medi stagionali, ma il caldo sarà un po’ più sopportabile». Con tutta probabilità il bollino arancione sarà confermato per domani su Ancona e Fabriano.

Nella giornata di mercoledì potrebbe l’ondata di caldo e afa potrebbe subire uno stop per l’arrivo di infiltrazioni di aria fredda favorite dal cedimento dell’anticiclone africano che sta facendo boccheggiare le Marche e in linea generale anche il resto del paese.

Qualche fenomeno temporalesco potrebbe registrarsi nel pomeriggio di mercoledì nelle zone interne della regione, ma si tratterà soprattutto di fenomeni localizzati, precisa il meteorologo, i quali faranno scendere lievemente le temperature.