Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Sanzio: ecco le 11 rotte, Acquaroli: «Dal rilancio dell’aeroporto dipende il futuro delle Marche»

Le 11 tratte saranno sostenute dalla Regione grazie a 13milioni di euro. Oltre a Monaco, Parigi, Bruxelles, Londra, Varsavia e Bucarest, ci saranno Cagliari, Olbia, Catania e Palermo

Da sinistra Aguzzi, Baldelli, Acquaroli, Carloni e Orsetti

ANCONA – Undici rotte per l’Aeroporto delle Marche sostenute da 13milioni di euro di contributi regionali. Le nuove tratte, da e per le Marche, due delle quali riconfermate (Londra e Bruxelles) sono state illustrate in videoconferenza dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, affiancato dalla Giunta (eccetto Saltamartini rimasto in Consiglio regionale).

«Dal rilancio dell’aeroporto e dalla centralità che può ritrovare Ancona, in una dinamica nazionale e internazionale, dipendono anche le sorti turistiche e commerciali del nostro territorio» ha detto il governatore in apertura della conferenza stampa di presentazione delle nuove rotte per l’Aeroporto delle Marche.

Il governatore, affiancato dagli assessori Stefano Aguzzi, Francesco Baldelli e Giorgia Latini (in videocollegamento), dal vice presidente Mirco Carloni e dal dirigente del turismo Raimondo Orsetti, ha ricordato che la capacità di sviluppo del Porto, dell’Interporto e dell’Aeroporto «è un punto importante per il rilancio della nostra regione» e proprio per questo obiettivo la Giunta ieri ha approvato un protocollo per favorire sinergie e sviluppo delle infrastrutture in chiave intermodale.

La Regione aveva emanato un bando per nuove rotte che «è andato oltre le aspettative, nonostante il covid che ha impattato sui voli nazionali e internazionali», ha affermato Acquaroli, puntualizzando che «andremo a riemettere un bando» dopo il ritiro dell’offerta da parte di Air Dolomiti: «Riteniamo importante andare a riproporre un bando, questa volta per potenziare il collegamento da Ancona per le città più importanti» come Roma e Milano, e «per andare a supplire a questa rinuncia con i voli per la Germania».

Acquaroli ha sottolineato l’importanza del mercato tedesco sia dal punto di vista del business sia del turismo ed ha annunciato che la Regione sta lavorando anche per collegare le Marche alla Russia, ma oltre alle nuove rotte che rendono più facilmente raggiungibile la regione, secondo il governatore si dovrà lavorare anche sull’accoglienza in modo da rendere il territorio pronto a cogliere queste possibilità.

Un momento della presentazione delle nuove rotte per il Sanzio

Il dirigente Raimondo Orsetti, nel ripercorrere le tappe del percorso che ha portato al bando per le nuove rotte, ha ricordato che la Regione si è mossa con due bandi: uno per il potenziamento delle rotte (8milioni e 600mila euro) e un altro (3milioni e 800mila euro) per gli aiuti alle compagnie aeree.

Sul fronte del potenziamento delle rotte il bando è stato emanato nell’ottobre scorso e si è concluso con l’aggiudicazione di Monaco di Baviera, con Luftansa (frequenza giornaliera) e Parigi con Transavia (due tratte a settimana, voli stagionali), entrambe con durata biennale.

«C’è stata un po’ di delusione da parte nostra nel ricevere, rispetto al bando, soltanto due offerte – ha affermato Orsetti – per questo ci siamo rimessi in azione subito dopo per poter fare un nuovo bando». Il dirigente regionale ha sottolineato che il contesto «risente pesantemente della situazione» pandemica, tanto che la Iata, associazione mondiale aviazione civile, «ritiene che si possa rientrare in una situazione di normalità nel 2025».

Inoltre ha precisato che con tutta probabilità a condizionare il ritiro dell’offerta da parte di Air Dolomiti è stato il fatto che «l’hub di Monaco riaprirà ai voli internazionali non prima di ottobre». Complessivamente sono 11 le destinazioni internazionali “portate a casa” dalla Regione Marche, fra le quali ci sono Londra, Bruxelles affidate al gruppo Ryanair che avrà anche Niederrhein, ai confini tra la Germania e l’Olanda così da intercettare i flussi turistici anche dell’area olandese.

La Tayaran Jet, compagnia aerea low cost bulgara, collegherà invece le Marche due volte a settimana (lunedì e venerdì) con la capitale della Polonia, Varsavia,  per un triennio, una impostazione basata sulla «continuità operativa» che come ha evidenziato Orsetti «è estremamente importante». Una tratta che partirà dal 7 giugno 2021, stessa data in cui prenderà avvio anche la rotta con Bucarest, la capitale della Romania.

Accanto a queste rotte estere (Monaco, Parigi, Bruxelles, Londra, Varsavia e Bucarest) si aggiunge quella di Barcellona che partirà dal 21 giugno 2021 (due volte a settimana, il lunedì e il venerdì per 16 settimane). Una rotta, quella spagnola con voli Vueling che per ora ha un carattere di stagionalità, ma che potrebbe anche «diventare costante» ha detto Orsetti «in base alla consistenza della presenza dei passeggeri».

Per quanto riguarda i voli nazionali, la compagnia aerea Volotea collegherà le Marche con la Sardegna, Cagliari (dal 3 giugno 2021) e Olbia (dal 21 giugno 2021) due volte a settimana (martedì e sabato da giugno a settembre) e con la Sicilia, Catania e Palermo. «È un quadro che per il momento ci lascia ben sperare» ha detto Orsetti, rimarcando che dalla prossima settimana arriverà il nuovo bando per gli hub di Roma e Milano e che la Regione sta lavorando anche per collegare le Marche alla Russia, senza escludere i Paesi Baltici e l’Ucraina, ma si tratterà di voli charter e non collegamenti di linea.