Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Al via “Form-Off: i concerti dell’Aula Magna”

Nel capoluogo dorico quattro appuntamenti con interpreti di fama internazionale. Dal maestro Hubert Soudant una lezione-concerto per i più giovani

Form-Off 2017 in Aula Magna (fonte Univpm)

ANCONA – Grandi interpreti di fama internazionale parteciperanno alla rassegna “Form-Off i concerti dell’Aula Magna” che si compone anche quest’anno di quattro appuntamenti. La rassegna è promossa dall’Università Politecnica delle Marche e dalla Form, in collaborazione con gli Amici della Musica “G. Michelli” e con il patrocinio del Comune di Ancona.

Form-Off spazierà dalle grandi sinfonie del repertorio classico al tango di Piazzolla, attraversando il romanticismo di Schumann e di Chajkovskij fino alla contemporaneità di Lamberto Lugli con la sua composizione per sassofono e orchestra dedicata a Jan Palach. Tra gli strumenti che tradizionalmente sono i protagonisti della rassegna, si conferma il violoncello di Umberto Clerici e se ne introducono due nuovi: il sassofono di Alex Sebastianutto e il bandoneon di Daniele Di Bonaventura. Ulteriore elemento di innovazione è quello del coinvolgimento dei giovani, con l’esecuzione della Sinfonia “Pastorale” di Beethoven realizzata dal maestro Hubert Soudant in forma di lezione-concerto. Tutti i concerti saranno preceduti da presentazioni del programma da parte degli interpreti o dei compositori.

Si parte mercoledì 25 gennaio alle ore 21, presso l’Aula Magna d’Ateneo Guido Bossi, con la FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana che eseguirà il concerto “Artista in residenza Umberto Clerici – Schumann e Čaikovskij”. Con un ampia frase solitaria, avrà inizio il Concerto per violoncello di Schumann, capolavoro tra i più rappresentativi del romanticismo e ad interpretarlo, ci sarà il grande violoncellista italiano Umberto Clerici, impegnato con la Form in veste di solista e direttore nell’esecuzione di uno straordinario programma musicale. Un programma che accosterà alla passionalità del concerto di Schumann, introdotto da una bella composizione di Woldemar Bargiel ad esso ispirata, la leggerezza splendida e malinconica della celebre Serenata per archi di Čajkovskij.

Gli altri appuntamenti saranno lunedì 13 febbraio, alle 21 con  “Soudant’ Series – Beethoven Pastorale” (lezione concerto); giovedì 9 marzo alle 21 con “U35 – Giovani Intermpreti” e lunedì 8 maggio alle 21 con “Daniele di Bonaventura & FormEnsamble – Tango suite: Tributo ad Astor Piazzolla”.