Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Adeguamento della Salaria nella zona di Acquasanta Terme: diversi progetti allo studio

Confronto tra l'assessore regionale Castelli, il Commissario Soccodato e il sindaco Stangoni sui progetti di ammodernamento nel tratto tortuoso tra il paese e la frazione di Favalanciata

ASCOLI – Nuove prospettive per la strada statale Salaria, nell’Ascolano. Dopo la ripresa dei lavori sulla variante di Trisungo di Arquata (141 milioni di euro) – con l’avvio degli interventi sulla galleria – e lo stanziamento dei 25 milioni per la messa in sicurezza del tratto ascolano di Mozzano, muove i primi passi anche il restyling della parte di tracciato tra Acquasanta Terme e la frazione di Favalanciata, ad ovest del capoluogo.

Proprio su questo argomento, si è tenuto un incontro ad Acquasanta. Presenti l’assessore regionale alla ricostruzione Guido Castelli, il commissario straordinario del Governo pe Fulvio Maria Soccodato, il consigliere regionale Andrea Antonini e il sindaco Sante Stangoni, appena rieletto.

Incontro sulle ipotesi progettuali

«Vogliamo mettere sul piatto idee e condividere ipotesi progettuali – spiega l’assessore Castelli – ma soprattutto fare squadra per profilare al meglio il futuro del nostro entroterra, quello che più ha sofferto le conseguenze del sisma, Questa riunione operativa punta a dare uno step in più a partire delle progettualità per l’arteria stradale più utilizzata nel Piceno per i collegamenti con il Lazio e quindi con Roma».

Superare gli ostacoli nel tratto più stretto e tortuoso

Tra i temi nodali affrontati, il superamento di alcuni ostacoli che rendono ostica la percorrenza del tratto in oggetto, soprattutto durante l’inverno. In questo periodo crescono i rallentamenti e le insidie nelle zone più interne. Anche perchè concerne un tratto molto stretto e tortuoso, con pericoli per tutti i mezzi in transito. Da qui la valutazione di possibili soluzioni migliorative del tracciato.

Acquasanta Terme

«Dal punto di vista infrastrutturale le buone notizie non arrivano solo dal PNR terremoto – aggiunge l’assessore- ma anche da questi finanziamenti molto importanti per la Salaria, che il Piceno attendeva da tempo. Ribadisco che l’obiettivo della giunta Acquaroli è quello di superando l’isolamento dell’area del cratere sismico e di farlo anche attraverso interventi rilevanti sulla viabilità».

Questo dunque è l’impegno della Regione per favorire il rilancio delle zone colpite dal terremoto nell’Ascolano. I tempi di realizzazione dei progetti annunciati tuttavia, sono ancora da definire.