Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

«A Fano ladri e vandali festeggiano il lockdown»: la denuncia di Ristoritalia

Dopo l'intervento di Confesercenti che chiede di intervenire con controlli e telecamere, ora arriva il grido di aiuto anche dell'associazione: «Pronti a fare passeggiate notturne di squadra armati di torce»

Allestimenti di Natale a Fano
Allestimenti di Natale a Fano

FANO – Non si placa la rabbia e la protesta fanese per i tanti furti che stanno caratterizzando gli ultimi periodi. Oltre alle restrizioni dovute alla pandemia ed ai Dpcm, i commercianti locali del centro storico e non solo devono fare i conti anche con i blitz dei ladri che approfittano del coprifuoco e delle strade deserte per colpire indisturbati.

Dopo l’appello della Confesercenti che chiede di intervenire con controlli e telecamere, ora arriva il grido di aiuto anche dell’associazione Ristoritalia: «A Fano ladri e vandali festeggiano il lockdown. Sono più di una ventina le attività nel mondo dell’horeca ad aver subito furti e danni durante le sere e le notti di questo periodo di lockdown; oltre alle difficoltà di questo inimmaginabile periodo, ci troviamo anche al cospetto della totale carenza di forze dell’ordine durante la notte che dovrebbero presidiare la città onde evitare per l’appunto che vi siano questi reiterati furti e danni alle tante attività quali bar, pasticcerie e ristoranti».

L’amministrazione dal canto suo non è rimasta impassibile ed ha già potenziato la rete di sicurezza ma l’impressione è che l’antica lotta tra “guardie e ladri” oggi più che mai, sia una sfida impari.

«Siamo un’associazione, quella di #Ristoritalia, che ha sempre difeso le scelte fatte all’insegna della salute e del rispetto di tanti malati – proseguono i rappresentanti dei ristoratori locale – non possiamo però rimanere inermi ed attoniti di fronte a quello che sta accadendo tutte le notti. Saremo pronti a fare passeggiate notturne di squadra armati di torce e di giubbotti catarifrangente dato che il nostro lavoro molto probabilmente andrà finendo!».