Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

5.021 posti di lavoro persi nel 2016

I disoccupati sono 73.526 con un aumento rispetto all’anno precedente del 6,5%. Un giovane su tre non riesce a trovare un impiego. Calo degli occupati nei settori del commercio e della ristorazione. La fotografia nelle Marche dall'Ires Cgil su dati Istat

Nelle Marche persi 5.021 posti di lavoro persi in un solo anno. I preoccupanti dati Istat 2016 sono stati rielaborati dall’Ires Cgil. Nella regione, i principali indicatori sono in netta controtendenza rispetto al quadro nazionale: i disoccupati sono 73.526 con un aumento rispetto all’anno precedente del 6,5%, il tasso di disoccupazione si attesta al 10,6% aumentando dello 0,7% e rimanendo pressoché stabile rispetto al 2013. Nel 2016, il numero degli occupati è sceso a 619mila unità, ovvero 5.021 in meno rispetto all’anno  precedente (-0,8%). Il calo non interessa il lavoro dipendente che aumenta dello 0,6% (+2.766 unità), un dato positivo, ma troppo debole per essere definito “ripresa”, anche in considerazione del fatto che, in termini di occupati dipendenti, nella nostra regione, siamo ancora -28mila rispetto all’inizio della crisi (2008).

Crescono dell’1,8% rispetto al 2015 gli occupati part-time che passano da 96mila a 98mila, nel 2008 erano 76mila cioè 22mila unità in meno. Allarmante è il dato di coloro che cercano lavoro dopo aver perso quello che avevano: 39.051 persone, con un aumento in un solo anno del 9%, pari a 3.228 unità. A questi vanno aggiunte altre 19mila persone che cercano il lavoro per  la prima volta e che tentano di entrare nel mondo del mercato del lavoro.  Il tasso di disoccupazione dei giovani diminuisce di un punto rispetto all’anno precedente passando dal 32% al 31%: nelle Marche, quindi, quasi un giovane su tre non riesce a trovare lavoro. Questo dato  va letto anche in rapporto all’aumento del lavoro precario e cioè tempo determinato e voucher. Il tasso di disoccupazione giovanile nel 2008 era nelle Marche al 12,5%.

Nei principali settori produttivi, si rileva un calo allarmante degli occupati nei settori del commercio, alberghi e ristoranti che passa da 126mila a 117mila (-6,8%) in un solo anno; nelle costruzioni dove si passa da 35mila occupati a 33mila (-4,9%). Nell’industria manifatturiera l’occupazione rimane praticamente stabile a 182mila, registrando un lievissimo aumento dello 0,2%.

«Questi dati restano molto preoccupanti, sopratutto se associati all’enorme ricorso alla cassa integrazione straordinaria e ordinaria in alcuni settori e alla totale inadeguatezza degli strumenti in campo, riformati con il Jobs act, che penalizzano sopratutto che le piccolissime imprese, in molti casi completamente scoperte rispetto alla possibilità di utilizzo di ammortizzatori- osserva Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche-. I referendum abrogativi della Cgil su appalti e voucher hanno lo scopo di liberare il lavoro e rimetterlo al centro dell’azione politica del Paese».