Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Ventenne ferito a coltellate nel centro di Ascoli

L'aggressione al termine di una rissa tra 4 giovani della città. La vittima operata d'urgenza nella notte all'ospedale Mazzoni. Sull'accaduto indaga la Squadra mobile

ASCOLI PICENO- Un ragazzo di 20 anni è stato ferito gravemente con due coltellate ieri notte ad Ascoli. L’aggressione è avvenuta in Piazza Arringo, nel centro storico cittadino e davanti la sede municipale. Il ferimento sembra sia stato il culmine di una rissa scoppiata sul posto tra un gruppo di 4 giovani, tutti italiani, per motivi ancora da chiarire. Ad un certo punto della violenta lite, qualcuno deve aver estratto un coltello e colpito pesantemente il ventenne. Questi è fuggito verso casa, nel vicino quartiere della Piazzarola ma perdeva molto sangue, ed i familiari hanno deciso di chiamare i soccorsi.

Da lì il ricovero urgente all’ospedale Mazzoni, con i sanitari che hanno prestato le prime cure al ragazzo ferito, che nella notte è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. La prognosi nei suoi confronti è riservata.

Sull’episodio, il secondo grave che si ripete nel centro storico di Ascoli dopo quello del giugno scorso in cui degli stranieri scatenarono una rissa per motivi legati allo spaccio di droga, sta indagando la Squadra mobile della Questura locale. Agenti e investigatori hanno lavorato tutta la notte per ricostruire la vicenda, trovare i partecipanti allo scontro, interrogare eventuali testimoni o persone informate sui fatti. A quanto si apprende, sarebbe stato individuato l’autore del ferimento e contro di lui potrebbero scattare dei provvedimenti nelle prossime ore. Ma ancora dagli investigatori non arrivano conferme ufficiali.

«Ci saranno degli sviluppi nel corso della giornata», assicura una fonte della Polizia. Non sembra comunque che la rissa di ieri sera in Piazza Arringo sia stata causata da contrasti per la droga. Molti aspetti della vicenda devono ancora essere chiariti. Evidentemente le misure anticovid che restringono le possibilità di movimento durante le ore notturne non scoraggiano alcune persone dal comportarsi in maniera violenta e pericolosa.