Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Ascoli Piceno, trovata morta in casa la sorella di Giovanni Allevi. Ipotesi di suicidio

Non c'è pace per il musicista Giovanni Allevi. Dopo la scoperta del tumore, la morte della sorella maggiore Maria Stella, trovata senza vita nella sua abitazione

Giovanni Allevi

ASCOLI – Un’altra tragedia scuote la famiglia Allevi. Maria Stella, sorella maggiore del pianista Giovanni Allevi, è stata trovata priva di vita nella sua abitazione di Ascoli Piceno. Per i primi soccorritori sembra si sia trattato di un gesto volontario. A dare l’allarme un familiare che non riusciva a mettersi in contatto con lei. 

L’ipotesi di suicidio

Nell’abitazione non sono stati ritrovati bigliettini o messaggi che confermino la tesi del suicidio. Ma secondo le prime indiscrezioni a riguardo pare che la tragedia sia ascrivibile a un gesto del tutto volontario consumatosi presumibilmente la notte scorsa (19 luglio).

La donna, insegnante in una scuola della zona, condivideva con il fratello Giovanni la passione per la musica. Anche lei diplomata al conservatorio, ha poi seguito una carriera diversa. Ma nelle tante interviste rilasciate, Maria Stella Allevi non ha mai nascosto il suo amore per il pianoforte che ha cominciato a suonare già da bambina. Molto prima di suo fratello Giovanni.

Al momento restano ancora ignote le cause che avrebbero portato la donna a togliersi la vita. 

La battaglia di Giovanni

Da circa un mese Giovanni Allevi sta combattendo la sua feroce battaglia contro un mieloma. Il pianista 53 enne ha preferito non usare giri di parole affidando il coming out a un post sul suo profilo Instagram: «Ho sempre combattuto i miei draghi interiori in concerto insieme a voi, grazie alla Musica – si legge nel post -. Questa volta perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco».

Allevi ha voluto essere più che mai realista e trasparente nei confronti dei suoi tanti fan. «Ho scoperto di avere una neoplasia dal suono dolce: mieloma – scrive l’artista -, ma non per questo meno insidiosa. La mia angoscia più grande è il pensiero di recare un dolore ai miei familiari e a tutte le persone che mi seguono con affetto». E la comunità del web si è subito stretta intorno a lui augurandogli di poter tornare il prima possibile a far volteggiare le sue dita sulla tastiera del pianoforte. Un auspicio che diventa ancora più forte oggi, dopo che la vita ha voluto assestare un altro duro colpo alla famiglia Allevi.