Ascoli Piceno-Fermo

Tod’s, cresce il fatturato del primo trimestre 2023

Bene tutti i marchi, le categorie di prodotto e le aree geografiche. Tod’s: +24,4%, Roger Vivier: +30,9%, pelletteria: +36,5%, retail: +23,6%

Il quartier generale Tod's a Brancadoro nei pressi di Civitanova Marche

Nei primi tre mesi del 2023, il fatturato consolidato del gruppo Tod’s ammonta a 270,5 milioni, in crescita del 23,2% rispetto al primo trimestre 2022. Lo fa sapere la società marchigiana, quotata alla Borsa di Milano ed a capo dell’omonimo gruppo italiano del lusso, attivo nella creazione, produzione e distribuzione di calzature, accessori e abbigliamento di lusso e di alta qualità con i marchi Tod’s, Roger Vivier, Hogan e Fay.

La comunicazione arriva con l’approvazione, da parte del consiglio di amministrazione, dei dati di vendita del Gruppo Tod’s relativi al primo trimestre 2023.

«Tutti i marchi del gruppo – evidenzia la società – hanno iniziato l’anno con una solida crescita a doppia cifra dei ricavi». In particolare sono «eccellenti i risultati di Tod’s (+24,4%) e Roger Vivier (+30,9%), con ottimi riscontri per le famiglie iconiche di calzature, pelletteria e accessori, sempre più ricercate dai clienti per la loro qualità, artigianalità e Italian lifestyle. Importante il contributo della Cina, in cui entrambi i marchi sono presenti, ciascuno con la propria rete di punti vendita nei più importanti luxury malls».

Bene anche gli altri marchi, con +10,1% per Hogan e +30,6% per Fay. Crescono, complessivamente, i ricavi nella pelletteria (36,5%), e per i canali distributivi si rafforza il retail a+23,6%.

nuova Boutique Tod’s a Milano, Galleria

«Gli ottimi risultati del mercato domestico e di quello europeo – fa sapere Tod’s Spa – sono stati raggiunti grazie alla forza della domanda locale e all’importante contributo degli acquisti dei turisti, soprattutto americani, infra-europei e medio-orientali. Anche il mercato americano ha registrato un positivo andamento delle vendite, nonostante lo spostamento all’estero di una significativa parte degli acquisti dei clienti americani. Il mercato della Greater China, debole nei primi giorni dell’anno, ha registrato una repentina ripartenza con il venir meno delle rigide restrizioni imposte dal Governo centrale per fronteggiare la pandemia di Covid-19, e sta mantenendo tassi di crescita a doppia cifra sia in Mainland China, che, ancor di più, a Hong Kong e Macao. Molto forte anche l’area Resto del Mondo, trainata dagli eccellenti risultati di Giappone, Singapore e Middle East».

I dati di vendita del primo trimestre 2023, commenta il presidente e a.d Diego Della Valle, «confermano l’ottimo andamento del nostro gruppo: tutti i marchi hanno registrato una solida crescita a doppia cifra dei ricavi. Tutte le aree geografiche sono in crescita. Il gruppo ha registrato eccellenti risultati nel mercato italiano ed in quello europeo. Molto importante il contributo del mercato cinese».

L’obiettivo principale, indica Della Valle, resta «quello di accrescere il valore patrimoniale del gruppo e dei singoli marchi». E Aggiunge: «Considerando il buon trend delle vendite del mese di aprile e l’ottimo andamento degli ordini per le collezioni invernali, sono fiducioso sui risultati futuri del gruppo».

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

© riproduzione riservata