Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Strisce blu a Campo Parignano e stalli per i motorini in centro storico: ad Ascoli i parcheggi tornano nel ciclone della polemica

Alcuni residenti lamentano la mancanza di appositi spazi a loro destinati e chiedono un intervento all'amministrazione comunale

Parcheggi ad Ascoli

ASCOLI – A due giorni dalla polemica per la mancata assegnazione, ad Ascoli, del titolo di ‘capitale italiana della cultura’ per il 2024, un’altra polemica scuote la città. È quella riferita ai nuovi parcheggi, in corso di realizzazione sia nel quartiere di Campo Parignano che in alcune zone del centro storico.

I posteggi a pagamento

A Campo Parignano si stanno allestendo alcuni posteggi a pagamento, come previsto dall’accordo stipulato alla fine del 2021 tra l’amministrazione comunale e la Saba. Alcuni residenti, però, hanno alzato la voce nei confronti di tale operazione, visto che per loro adesso sarà difficile trovare parcheggi riservati, dal momento che le strisce blu sono state realizzate proprio laddove prima c’erano le strisce gialle. Mentre fino ai giorni scorsi quei posteggi erano riservati ai residenti, infatti, ora nelle stesse aree potranno parcheggiare anche gli altri utenti, seppur a pagamento.

I parcheggi per gli scooter

L’altro filone della polemica, invece, riguarda i 26 nuovi stalli per moto e scooter, realizzati nella giornata di ieri lungo corso Trento e Trieste, una tra le vie più importanti e trafficate del centro cittadino. Questa volta, però, le motivazioni non sono da ricercare tra le clausole della nuova convenzione sottoscritta da Saba e amministrazione comunale, bensì in un’ordinanza dell’ufficio che si occupa del traffico volta a concedere nuove possibilità di accesso e sosta in centro, appunto agli amanti delle due ruote.

Le parole dell’assessore

«L’obiettivo è favorire questo tipo di mobilità alla luce dei disagi creati dai cantieri sorti negli ultimi tempi – spiega il vicesindaco con delega all’urbanistica Gianni Silvestri –. Si tratta di un intervento che procede nella stessa direzione del Biciplan e delle modifiche che verranno apportate in piazza Roma, dove verranno individuate aree di carico e scarico e di sosta per motorini e, nelle ore notturne, per residenti».