Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Serie B, l’Ascoli crea gioco ma non segna più: con l’Entella solo 0-0

Anche a Chiavari contro l'ultima in classifica i bianconeri sprecano troppo per vincere. Baijc e Sabiri senza peso, ottimo Pinna. L'espulsione di Buchel ha complicato le cose : un punto comunque utile

ASCOLI – Solo un pareggio per l’Ascoli a Chiavari contro la Virtus Entella. Nella 27esima giornata del campionato di serie B alla squadra bianconera serviva una vittoria contro l’ultima in classifica, ma questa non è arrivata. Stavolta gli uomini di Sottil non hanno subito il gioco avversario, come con il Pisa nella gara precedente. Ma come in tanti match dell’ultimo mese, tutto quello che hanno costruito non lo hanno capitalizzato.

Neppure un misero gol per tornare al successo contro un avversario modesto, sebbene pericoloso in qualche frangente. Purtroppo l’Ascoli di Sottil non riesce più ad essere incisivo in attacco, e le speranze che aveva suscitato il nuovo acquisto Dionisi – soprattutto dopo i due gol e la bella vittoria a Lecce – non stanno trovando conferma.

Nel primo tempo al quarto d’ora Baijc tira da distanza ravvicinata ma si fa respingere il pallone dal portiere ligure. Dopo qualche puntata di Dionisi, è l’Entella a sfiorare il vantaggio con Schenetti, fermato solo da Leali che devia in angolo.

I bianconeri hanno la supremazia in campo ma sprecano quando si trovano in area avversaria. Un ottimo Pinna si invola al 35′ sulla fascia, crossa per Baijc ma manco a dirlo il centravanti bosniaco non finalizza l’azione offensiva ascolana.

Poco dopo veloce contropiede bianconero con palla che da Eramo arriva a Sabiri : il suo tiro viente respinto, poi dopo il rimpallo ci prova anche Baijc ma senza successo.

Poi giunge anche una punizione per l’Ascoli, con possibilità per Sabiri di centrare il bersaglio anche dalla distanza, come accaduto in match precedenti. Ma anche stavolta il colpo del marocchino è debole e senza problemi per la difesa ligure.

Allo scadere anche il difensore bianconero fa in tempo a colpire di testa verso la porta dell’Entella, ma non sfonda la rete. Poco dopo è la squadra di casa ad essere molto pericolosa davanti a Leali con Capello: per fortuna i bianconeri si salvano.

Nella ripresa, iniziata da Sottil senza cambi, Eramo e compagni sembrano più decisi a far loro la partita. Lo stesso centrocampista al 3′ ha l’opportunità di deviare in rete un pallone a pochi metri dal portiere ligure, ma non riesce a dargli forza. Pinna poco dopo penetra nella difesa biancoceleste, ma l’azione poi sfuma.

L’Entella si rifà vivo all11′ , e tocca a Caligara salvare il Picchio. Al 19′ è proprio Caligara che ha l’occasione con un colpo di testa ravvicinato, ma manda alto. Poi ci prova Sabiri, ma il suo tiro è centrale.

La squadra di casa reagisce e con Capello mette i brividi al portiere ascolano Leali : per fortuna il suo colpo ad effetto finisce a lato. L’Ascoli tenta ancora con Eramo di sfondare la rete ligure, ma la sua conclusione è imprecisa.

Poi per i bianconeri, arriva inattesa anche l’espulsione di Buchel per doppia ammonizione.

Compagine in 10 ad un quarto d’ora dal termine della partita, e andamento della gara che si ribalta. L’Ascoli a questo punto deve difendersi e cerca di salvare almeno il risultato di parità.

Entrano Mosti e Bidauoi per il Picchio, ma l’Entella sfiora il gol della vittoria con Morosini al 39′. Il suo errore mantiene l’equilibrio nel punteggio e poi Bidaoui ha pure una chance per dare ai bianconeri la rete dei tre punti : ma la sua puntata non genera l’obiettivo sperato. Dopo 4 minuti di recupero, l’arbitro Marinelli di Tivoli decreta la fine dell’incontro : 0-0 tra Ascoli ed Entella.

La formazione picena sale a 23 punti in classifica, ma resta terzultima in zona retrocessione. Unica nota positiva il fatto che sia il Pescara, penultimo, che il Cosenza, che precede i bianconeri, abbiano perso. I calabresi sono ora a tre lunghezze dal Picchio, mentre la Reggiana a cinque. Qualche speranza di agguantare almeno i play out esiste ancora. Ma i ragazzi di Sottil devono tornare subito a vincere.