Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

San Benedetto, proclamati gli eletti del nuovo consiglio comunale

Le liste di maggioranza che hanno sostenuto il nuovo sindaco ottengono 15 seggi. Sei andranno al centrodestra e tre al centrosinistra. Fuori il movimento 5Stelle

Il nuovo sindaco di San Benedetto Antonio Spazzafumo

Proclamati gli eletti nel nuovo consiglio comunale di San Benedetto. Quindici appartengono alle liste civiche di maggioranza che hanno sostenuto il nuovo sindaco Antonio Spazzafumo, mentre nove alle minoranze. Di questi sei al centrodestra e 3 al centrosinistra. Spicca l’assenza in assemblea del Movimento Cinque Stelle, che non ha ottenuto la nomina a consigliere neppure del candidato sindaco Serafino Angelini.

Delle liste che hanno appoggiato Spazzafumo entrano in assemblea Eldo Fanini, Domenico Pellei, Fabrizio Capriotti e Cinzia Campanelli per il Centro Civico Popolare ; Stefano Gaetano, Laura Camaioni, Gino Micozzi e Bruno Gabrielli per Libera San Benedetto ; Antonio Capriotti, Giorgio De Vecchis e Giselda Mancaniello per Viva San Benedetto ; Martina De Renzis e Umberto Pasquali per Rinascita Sambenedettese ; infine Andrea Sanguigni e Silvia Laghi per Rivoluzione Civica.

Lungomare di San Benedetto

Sei consiglieri per l’ex maggioranza di destra

Per il centrodestra gli eletti sono l’ex sindaco Pasqualino Piunti, Andrea Traini e Nicolò Bagalini per Fratelli d’Italia, Lorenzo Marinangeli per la Lega, Stefano Muzi per Forza Italia ed Emanuela Carboni per la lista “Piunti sindaco .

Tre eletti per il centrosinistra

Per il Pd, con Articolo Uno e lista Nos entra in consiglio Aurora Bottiglieri, mentre per i Verdi e Riformisti Paolo Canducci. Un seggio l’ha conquistato anche Annalisa Marchegiani per Europa Verde.

A breve si capirà se questi ultimi tre consiglieri, i primi due dei quali erano candidati sindaci, appoggeranno in maniera diretta o indiretta il nuovo sindaco Spazzafumo. La prima seduta del consesso civico si dovrebbe tenere il 6 novembre. Oggi il passaggio delle consegne tra Pasqualino Piunti ed Antonio Spazzafumo.