Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Al Parco Nazionale dei Monti Sibillini cresce la popolazione di camosci appenninici

Sono 110 i camosci avvistati nel territorio del Parco durante il censimento estivo, 230 gli individui approssimativamente stimati. Dati superiori rispetto agli ultimi anni

Camoscio dell'Appennino
Camoscio dell'Appennino

La popolazione di camosci del Parco Nazionale dei Monti Sibillini cresce. Sono 110 i camosci avvistati nel territorio del Parco durante il censimento estivo, 230 gli individui approssimativamente stimati.

A causa delle limitazioni imposte dall’emergenza Covid-19, l’operazione è stata condotta, lo scorso 30 luglio, da un numero di operatori inferiore rispetto al passato: 34 tra guardie forestali, collaboratori del Parco e volontari.

Nel dettaglio, a essere osservati sono stati 1 maschio adulto marcato, 4 femmine adulte marcate, 64 adulti non marcati, 5 individui indeterminati, 17 yearling (individui di un anno compiuto) e 19 piccoli nati in primavera. Lo scopo principale del censimento estivo era proprio la rilevazione del numero piccoli.

Questi dati dovranno essere integrati con quelli del censimento autunnale, che verrà effettuato tra ottobre e novembre.
Come comunicato dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini, a fine anno, quando sarà possibile contare un maggior numero di maschi adulti difficilmente osservabili durante la bella stagione, si otterrà una stima più precisa della consistenza della popolazione di camoscio appenninico del Parco.

Se è vero che la popolazione di camoscio dei Sibillini è ancora molto concentrata sul Monte Bove (98 camosci gravitano in questa area), la nota positiva di questo censimento è rappresentata dalla vasta distribuzione dei camosci osservati: ben 12 individui sono stati avvistati in 6 aree distinte da quella Monte Bove, di cui 4 al Tempio della Sibilla (sul versante esposto a sud della Priora), 3 su Monte Rotondo, 2 a Pizzo Meta, 1 sulla vetta della Priora, 1 a Cima Vallelunga e 1 allo Scoglio dell’Aquila.

Inoltre, il risultato ottenuto è stato comunque superiore rispetto a quello dei censimenti estivi degli ultimi anni (57 camosci nel 2017, 69 nel 2018 e 77 nel 2019), indicando quindi un trend di crescita costante della popolazione.