Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

«Materiali costosi, le ditte preferiscono non lavorare e i progetti sono fermi»: il grido d’allarme, a Maltignano, del sindaco

Il primo cittadino chiede l'intervento del Governo per risolvere un problema che, teoricamente, riguarda anche altri comuni. Ecco infatti cosa dice

Il sindaco di Maltignano, Armando Falcioni, con la sua squadra

MALTIGNANO – L’aumento del prezzo dei materiali, la difficoltà a trovare le ditte interessate a svolgere i lavori e alcuni progetti fermi da diverso tempo. È la situazione che sta vivendo il comune di Maltignano, nel Piceno, con il sindaco Armando Falcioni che lancia un vero e proprio grido d’allarme, chiedendo un intervento urgente al Governo.

«Le ditte, ormai, hanno poco interesse ad aggiudicarsi gli interventi nei piccoli comuni come il nostro – spiega Falcioni -. Il costo dei materiali sta aumentando sempre di più e le ditte, dopo aver fatto due conti, preferiscono addirittura non partecipare alle gare di appalto. È una situazione preoccupante, che riguarda anche altri comuni. Per quanto ci riguarda, quindi, ci sono alcuni progetti ancora fermi proprio perché non riusciamo ad appaltare i lavori». È il caso, nella fattispecie, della realizzazione della nuova bambinopoli nella popolosa frazione di Caselle e del nuovo ponticello sulla Vibrata, quest’ultimo ad opera della Provincia. «Alcuni cittadini, comprensibilmente, si lamentano del fatto che i lavori non vengono ancora assegnati e che, di conseguenza, ci sono ritardi sulla tabella di marcia – prosegue il sindaco di Maltignano -. Ma tali ritardi non sono imputabili al Comune bensì a questa assurda situazione che si è venuta a creare. L’unica via d’uscita, sulla carta, sarebbe rappresentata dalla revisione dei progetti, magari rivedendoli al ribasso e quindi renderli più economici. In tal modo, infatti, i lavori costerebbero di meno e le ditte potrebbero essere maggiormente interessate. Ma, anche in questo caso, ci rimetterebbe la popolazione, perché le varie opere verrebbero ridimensionate. E, comunque, una volta che un progetto viene rivisto, bisogna rifare da capo l’iter per la gara di appalto e questo comporta un ulteriore allungamento dei tempi».